Home Scienza e Tech Polemica brevetto Apple: impossibile filmare e fotografare durante i concerti

Polemica brevetto Apple: impossibile filmare e fotografare durante i concerti

Compro il costoso biglietto e devo sentirmi anche riprendere dalla superstar dal palco perchè utilizzo lo smartphone per riprendere un ricordo della serata? Più o meno è quello che sta accadendo negli ultimi tempi. Molti artisti internazionali durante le loro performance dal vivo “attaccano” i fans, intimandoli di non riprendere con lo smartphone. La motivazione ufficiale sarebbe che in questo modo lo stesso fans si perderebbe la magia del live, tuttavia molti sono sicuri che queste proteste siano legate al solo fattore economico. Magari riprendendo un intero concerto con il proprio smartphone, non avrebbe più senso acquistare il disco, cosi come i brani in versione digitale. L’ultimo caso è quello di Adele, che all’arena di Verona ha bacchettato una giovane fans «Sono qui nella vita reale – le ha detto dal palco – si può godere tutto dal vivo piuttosto che attraverso la videocamera». Prima della sua scomparsa il grande Princeaveva richiesto a Youtube la rimozione di tutti i contenuti musicali a lui associati. In America ai concerti di Alicia Keys vengono distribuite custodie che bloccano l’uso dei cellulari, fino al termine dello show. In Italia ci ha pensato Gianna Nannini a dire basta agli smartphone durante i suoi concerti «non si gode lo show e spesso disturba gli altri, si perde la magia della musica»

Apple riporta la magia nei concerti o limita la libertà? Vietato fare foto e video! Ma è subito polemica.

Ricordate i concerti di una volta? Quelli dove attendevi davanti alle transenne tutto il pomeriggio, magari sotto il caldo estremo, in attesa dei tuoi idoli. Quelli si che erano concerti, con la bandana sulla fronte e gli accendini a portata di dito si illuminava la magia. Eh si, perchè solo 15 anni fa i concerti erano pura magia nella loro estrema semplicità. Dove la massima espressione tecnologica era rappresentata da una macchina fotografica con il rullino, cosi pesante che alla seconda foto la mettevi da parte. Oggi tutto è cambiato, il progresso tecnologico è stato cosi enorme che sembra essere passato un secolo. L’era dei video con gli smartphone, delle foto, dei selfie, delle dirette streaming, tutto ormai finisce sotto i riflettori, tutto condiviso. Secondo una ricerca olandese ad oggi i concerti sono i fenomeni più fotografati,filmati e condivisi sui social, aspetto che non è molto amato dall’ambiente musicale.

Apple blocca i telefoni

Quando si tratta di musica e di proteggere chi la produce la Apple è sempre in prima fila, ed ecco che si è inventata un sistema per bloccare i dispositivi della mela quando gli stessi si trovano in determinate situazioni. Concerti, musei, luoghi istituzionali. Come accade sempre in questi casi si sono sollevate maree di polemiche. Gli utenti sui forum stanno facendo valere tutto il proprio dissenso, lamentando una folle violazione della propria libertà, “non tocca alla apple decidere come, quando e dove posso usare il mio smartphone”

Il brevetto blocca fotocamera 

Apple ha la caratteristica di “predire il futuro”, già nel 2009 aveva capito che le riprese con gli smartphone avrebbero potuto rappresentare un problema, ed ecco che sottopose alla commissione brevetti, una tecnologia applicabile alle fotocamere digitali basata sugli infrarossi, capace di impedire agli iphone di scattare foto o registrare video in determinati luoghi o situazioni dove si possa violare il copyright o la privacy.

{}

A distanza di 7 anni la commissione Americana che si occupa di brevetti, ha deciso di concedere l’approvazione,  dunque la Apple ha ricevuto la licenza per la commercializzazione del nuovo software. In realtà si tratta di una combinazione di due fattori, sullo smartphone viene integrato un chip ad infrarossi nei pressi della fotocamera, mentre durante i concerti, nelle vicinanze del palco viene installato un sistema ad infrarossi capace di bloccare
le riprese da parte degli spettatori: all’accensione della fotocamera, infatti, sullo schermo del telefonino apparirebbe un avviso di blocco della funzione fino al termine dello show. Non è ancora chiaro se e quando la Apple riuscirà a portare a termine la propria missione, quello che è certo e che agli utenti non piace,e lo sappiamo, negli Stati Uniti basta un niente per partire con oceaniche Class Action. Staremo a vedere.