Home Politica Primarie Pd In Campania, la sfida slitta a febbraio

Primarie Pd In Campania, la sfida slitta a febbraio

partito democratico primarie

Primarie Pd in Campania – L’appuntamento alle primarie dell’11 gennaio, è posticipato al primo febbraio. I candidati sono Andrea Cozzolino, Vincenzo De Luca e Angelica Saggese. Le primarie sono una competizione elettorale attraverso la quale gli elettori o i militanti di un partito politico decidono chi sarà il candidato alle elezioni,in questo caso le Regionali in Campania. Uno dei motivi dello slittamento sembrerebbe  essere la mancata presenza del Vice Segretario nazionale del Partito Lorenzo Guerini all’ultima riunione della Direzione Regionale del Pd, tenutasi a Napoli. Inoltre l’ ultima inchiesta sulla Mafia Capitale, avrebbe creato polemiche e caos nella struttura organizzativa del partito tanto da temere per il prosieguo delle primarie Campane.La sfida Campana si complicherebbe ulteriormente anche da voci giunte  dai piani alti,sarebbe emerso infatti un nuovo protagonista,il delfino Renziano, Gennaro Migliore, 46 anni, passato da Sel al Pd  il 22 ottobre scorso arruolatosi nella corrente del Premier senza passare dalla sinistra interna, ma con un intervento applauditissimo al meeting della Leopolda.A quanto pare la segreteria Pd Nazionale preferirebbe l’opzione Migliore al comando della prossima sfida elettorale.Intanto l’onorevole Tartaglione,ribadisce “le primarie non devono essere una resa dei conti interna, il rinvio è un prospetto in vista di una sana e serena competizione che garantisca la maggiore trasparenza” . La reazione dei due candidati principali è stata di forte delusione, Vincenzo De Luca è pronto all’addio se le primarie dovessero saltare. Il Sindaco di Salerno sarebbe pronto a candidarsi ugualmente a capo di una coalizione di liste civiche.
Andrea Cozzolino si dichiara sconcertato per il rinvio, ribadendo che non si può lavorare senza una reale squadra,se ci sono ragioni tecnico organizzative , continua Cozzolino , un rinvio è accettabile ma altre ipotesi sembrerebbero delle forzature al processo democratico. Ben venga un ulteriore periodo di lavoro per creare il miglior clima e consentire una larga partecipazione al voto che dovrà scegliere il candidato sfidante contro il centrodestra capeggiato da Stefano Caldoro”. La segreteria della Tartaglione per l’11 gennaio propone un open day in cui si terrà un’assemblea dei segretari dei circoli campani con la partecipazione del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio e del ministro per gli affari regionali Maria Carmela Lanzetta.