Nasce Messenger Rooms, Facebook entra nel mondo delle Videochat e sfida Zoom

Ecco la risposta di Zuckenberg all’app per videoconferenze in crescente popolarità

Messenger rooms -Facebook

La quarantena forzata da Coronavirus ha evidenziato per questo inizio 2020 la necessità del popolo della rete di utilizzare strumenti alternativi per comunicare, per essere #DistantiMaUnitiChe sia per lavoro attraverso lo smartworking, per studio o per semplice rimpatriata virtuale, in questi mesi abbiamo imparato a conoscere uno strumento tanto utile quanto poco utilizzato dalla massa, le videoconferenze. Le videochat esistono da decenni, ma in un mondo sempre più rapido ed in costante evoluzione sono state ignorate dai più, in favore dei messaggi Whatsapp e Telegram, dai video di breve durata, dai Selfie e soprattutto dai vari messenger.

La ‘reclusione’ forzata ha creato dunque una necessità, trovare la giusta applicazione o programma che potesse colmare le distanze, quantomeno virtualmente. Una delle applicazioni più utilizzate durante la quarantena è stata, lo è tutt’ora, ZOOM, un programma che da oltre dieci anni viene utilizzato principalmente in ambito lavorativo, essenzialmente per riunioni a distanza. All’inizio del 2020 l’uso di Zoom è sensibilmente aumentato, in quanto diverse scuole e aziende hanno adottato la piattaforma per il lavoro a distanza in risposta alla nuova pandemia di Covid-19. In vari paesi, inoltre, la società californiana ha offerto gratuitamente i suoi servizi alle scuole.

Novità tra Messenger e Messenger Rooms

Mark Zuckenberg che non è propenso ad arrivare secondo, trova subito il rimedio per contrastare Zoom lanciando Messenger Rooms, già disponibile in test in Italia questa settimana. L’obbiettivo in realtà è migliorare sensibilmente i servizi offerti, considerato anche che nelle piattaforme di sua proprietà – principalmente Whatsapp e Messenger – vengono effettuate oltre 700 milioni di videochiamate al giorno.

Su Messenger Rooms sarà possibile trascorrere del tempo con i propri amici, i propri colleghi e gli amanti dei medesimi interessi. Le “stanze” potranno ospitare fino a 50 utenti, i quali potranno accedere, da Pc o da smartphone, tramite la condivisione sulla bacheca, sui Gruppi o sugli Eventi, senza scaricare alcun applicativo aggiuntivo. Anche i non iscritti a Facebook potranno accedere alle stanze attraverso un link di invito. Tale funzione sarà in secondo momento apportata anche alle piattaforme Whatsapp e Instagram. Elementi al centro di questa nuova creazione non possono che essere privacy e sicurezza. Infatti, il creatore della stanza potrà scegliere chi farvi accedere, con la possibilità di rimuovere persone indesiderate così come bloccare l’ingresso a ulteriori profili. Allo stesso tempo, sarà possibile segnalare una “stanza” o uno specifico comportamento inviare in caso di presunta violazione degli standard della community.

Nuove funzioni per facebook.
Le aggiunte alle piattaforme di Zuckenberg non riguarderanno soltanto Messenger e Whatsapp ma anche Facebook e Instagram. La prima delle nuove funzioni di Facebook sarà il ritorno della diretta con un altro utente, attraverso la funzione di invito, che apparirà all’angolo dello schermo, una volta cliccata sulla scritta “Live”, che farà apparire la funzione di aggiungere la persona con cui realizzare la diretta. Per Messenger in versione classica, invece, arrivano nuovi effetti in realtà aumentata come le orecchie di coniglio e altri in intelligenza artificiale come sfondi a 360 gradi nonché altri immersivi con luoghi iconici.

Altra novità prevista dallo storico social sarà sia rendere visibili sulla propria bacheca gli eventi in diretta nel momento in cui si è connessi che integrare la funzionalità della diretta all’interno degli stessi. Dunque, sarà sufficiente cliccare sull’evento live per poter visualizzare la diretta video o audio.

In questa grande funzionalità della diretta Facebook, altra decisione presa dai vertici è l’arrivo del denaro, sia in funzione facoltativa che obbligatoria. Infatti, sarà possibile erogare denaro nel corso di una diretta, pigiando su un apposito bottone, allo scopo di effettuare donazioni per raccolte benefiche. Invece, alcune trasmissioni video come lezioni o incontri professionali oppure performance online potranno prevedere l’accesso a pagamento. Quest’ultima funzione è stata progettata per sostenere creatori e business dalle dimensioni modeste, che sono tra le attività più colpite dall’emergenza del coronavirus.

Altro cambiamento che sarà adoperato è la possibilità di ascoltare solo l’audio durante le dirette video per chi possiede scarsa qualità di connessione o bassa disponibilità di dati. Invece, ai non iscritti su Facebook sarà consentito ascoltare un numero limitato di dirette prodotte dalle pagine, stabilito dalla piattaforma stessa.

Implementazioni per Instagram e Whatsapp

Anche il celebre social di foto non è stato escluso dalla carovana delle modifiche. Dalle prossime settimane, un utente potrà vedere e commentare le dirette video anche dal proprio computer. Ulteriore cambiamento è poi la possibilità di inserire la diretta, una volta terminata, nella propria piattaforma di Instagram Tv, così rendendola disponibile anche dopo le canoniche 24 ore. Videochiamate fino a otto persone su Whatsapp.
Un’altra delle novità già ampiamente annunciate nelle scorse settimane è l’aumento del numero massimo di partecipanti a otto per le videochiamate e chiamate vocali via Whatsapp.