Home Scienza e Tech Whatsapp, attenti ai link truffa ruba dati e password: come riconoscerli e...

Whatsapp, attenti ai link truffa ruba dati e password: come riconoscerli e proteggersi

Evoluzione significa involuzione, sembra un concetto improbabile, tuttavia è il classico rovescio della medaglia. Ogni aspetto positivo è accompagnato dal suo riflesso negativo. Caratteristica che emerge in modo particolare quando si parla di internet, di web 2.0, di social network. Una regola base ormai che coinvolge tutti.

Cosi come Facebook, Whatsapp, instagram ed i restanti social hanno invaso le nostre vite, diventando un vero e proprio fenomeno sociale e di socialità, allo stesso modo anche i Cracker, si sono evoluti per continuare a fregare il prossimo. Ed è proprio quello che accade ormai da anni, le stime sono “drammatiche” il 92% dei utenti internet almeno una volta è stato truffato. Un fenomeno che con ogni probabilità non potrà mai arrestarsi.

Perchè  Whatsapp è diventato il bersaglio principale dei Cracker? In realtà il motivo è piuttosto semplice, per coloro che ancora non lo conoscessero, whatsapp è una potente applicazione di messaggistica istantanea. Con oltre 1 miliardo di utenti che giornalmente si scambiano 30 miliardi di messaggi! Numeri pazzeschi, la potenza di whatsapp è stata cosi immensa da spazzare viva il classico uso degli sms. Secondo le ultime stime il 77% degli utilizzatori di whatsapp sono minorenni, mentre un buon 20% hanno sotto i 35 anni.

Dunque è proprio l’enorme numero di utenti a fomentare i truffatori, per molti dei quali una vera fonte di guadagno. Ma quale è la vera forza dei truffatori? L’inconsapevolezza degli utenti. Secondo una ricerca Londinese, il 68% degli utenti usa internet senza opportune conoscente informatiche. Dalla casalinga, ai ragazzini, insomma tutti quegli utenti che utilizzano internet solo grazie ai social, dunque delle vittime perfette per chi vuole compiere un raggiro.

Tuttavia dalla nostra abbiamo un’arma fondamentale per difenderci, quale? Bhe internet! Sembra un paradosso ma in realtà è la soluzione. In rete ci sono migliaia di siti, forum di informazione, gestiti da giovani disposti a consigliare su qualsiasi problema soprattutto tecnologico. Dunque informatevi, internet è un mare enorme, è finito il tempo dell’utente inconsapevole, quello random che naviga ogni tanto. Se ad oggi hai una email con qualsiasi gestore, sei iscritto a facebook, a twitter o su qualunque altra piattaforma, bhe sei a rischio phishing, devi per tanto essere pronto a gestire ed eliminare possibili raggiri.

Whatsapp la più colpita, attenzione ai link truffa

La truffa ha sempre le stesse modalità, cambia solo nei contenuti. Vi arriva un messaggino sul display che vi informa dell’avvenuta vittoria di un qualsivoglia prodotto, di solito il premio truffa è uno scintillante Iphone. L’utente inconsapevole, spinto anche solo dalla semplice curiosità, tende a cliccare sul link truffa, ed ecco che s’innesca tutto un processo atto ad eseguire l’inevitabile raggiro.

Nel caso specifico, a lanciare l’allarme è stata ancora una volta la Polizia Postale, sempre pronta ed efficace nelle settore delle truffe da mobile. Secondo gli agenti gli utenti ricevono un messaggio nel quale si legge che a seguito di violazioni l’account di Whatsapp sta per essere cancellato. Purtroppo molte persone, impaurite tendono a cliccare il link truffa per cercare di capire meglio come poter risolvere il problema. Cliccandoci si cade preda della trappola. I rischi possono essere tanti, i più gravi senza dubbio il furto dei dati sensibili presenti sullo smartphone. Password, foto, dati, account trafugati e magari venduti online. Dunque è di fondamentale importanza rispettare alcune regole:

– Nessuno vi regala niente.
– Quando vi arrivano messaggi sospetti ignorateli.
– Quando vi arrivano messaggi sospetti da amici, chiedete una verifica allo stesso amico.
– Non utilizzare lo smartphone come diario personale.
– Evitate di riempire lo smartphone con vostre foto o video personali, soprattutto evitare foto con minori. Oggi gli Hard disk costano molto poco, utilizzateli per archiviare i vostri dati.
– I genitori dovrebbero controllare più spesso i contenuti dei propri figli minorenni.
– Le password vanno scritte su carta non tenute conservate sullo smartphone.

Internet è un mondo immenso, cosi bello quanto orribile. Puoi trovarci lo splendore dell’informazione come Wikipedia, foto di posti incantevoli, video divertenti su youtube. Ma allo stesso tempo il web può essere il covo delle peggiori menti: pedofili, truffatori, pervertiti,bulli. Cercate di non essere mai superficiali, informatevi se non conoscete e soprattutto affidatevi agli esperti se riscontrate delle anomalie o avete dubbi su qualcosa,qualcuno.

Non confondere i veri colpevoli

La parola Hacker viene usata fin troppo spesso impropriamente, agli stessi vengono affibbiati crimini informatici, tuttavia non è cosi. Gli Hacker per filosofia, sono persone che si impegnano nell’affrontare sfide intellettuali per aggirare o superare creativamente le limitazioni che gli vengono imposte, senza però ricavarne un guadagno. Chi invece ha il solo scopo di aggirare i sistemi per guadagnarci sono i Cracker, che come unica filosofia di vita hanno quella di fregare il prossimo.

ACQUISTA SU EBAY
Io, lui e nessun altro - Romanzo sulla dipendenza affettiva