Home Spettacoli Sanremo,Carlo Conti presenta i 20 Big, ritorna Morgan con i bluvertigo

    Sanremo,Carlo Conti presenta i 20 Big, ritorna Morgan con i bluvertigo

    SANREMO, CARLO CONTI ANNUNCIA I 20 BIG: TORNANO MORGAN CON I BLUVERTIGO ED IL GENIO ELIO E LE STORIE TESTE

    sanremo 2015

    Sanremo2016 – Torna come ogni anno il più grande teatro della canzone Italiana, il tanto amato-odiato festival di sanremo, giunto ormai alla veneranda età delle 66 edizioni. Carlo Conti ha presentato la sua lista di 20 Big, solite polemiche sui presenti e sugli esclusi illustri, ma tantè anche quest’anno il presentatore Toscano è riuscire a comporre un gruppo di cantanti e canzoni per ogni gusto. Carlo Conti, anche quest’anno dopo l’enorme successo dello scorso anno sarà sia il presentatore che il direttore artistico, ha presentato  l’edizione numero 66 definendola un mosaico, il giusto connubio tra passato e futuro della canzone italiana. La presentazione come lo scorso anno avviene in diretta dall’arena di Giletti, si parte con i primi 4 nomi, sono poco conosciuti ed il pubblico sembra lamentarsi. Ci sono Debora Iurato e Giovanni Caccamo, vincitore tra i giovani lo scorso anno ma già evidentemente dimenticato dal pubblico. E poi la solita Noemi con La borsa di una donna, Noi siamo infinito di Alessio Bernabei, ex Dear Jack. E poi la prima grande novità, dopo anni di assenza sia da sanremo che dalla musica in generale ritorna  sul palco dell’Ariston: Enrico Ruggeri vincitore nel 1987, insieme con Morandi e Tozzi, con Si può dare di più e nel 1993 con l’entusiasmante Mistero. Quest’anno punta sul sentimento con Il primo amore non si scorda mai. Dopo la parentesi da valletta dello scorso anno assieme ad Emma, torna sul palco anche Arisa  con Guardando il cielo. Promosso nella categoria superiore anche Rocco Hunt che porta la canzone Wake up e, anche se senza Bernabei, non rinunciano a ritornare sul palco i tre Dear Jack con Mezzo respiro.  Tutti nomi più o meno annunciati. Da giorni circolavano sui social. Ma un gruppo non era previsto: gli Stadio con Un giorno mi dirai. Anche Dolcenera ha spiazzato i pronostici: torna al Festival con Ora e mai più. Prevedibilissime invece le partecipazioni di Patty Pravo che festeggia 50 anni di carriera sul palco dell’Ariston con Cieli immensi. Così come Neffa, che impazzava nei totonomi, e si presenta con Sogni e nostalgia.   Tra i venti Big scelti dalla commissione capitanata da Conti ci sono anche Lorenzo Fragola (Infinite volte), Annalisa (Diluvio universale), la figlia di Zucchero Irene Fornaciari (Blu), gli Zero Assoluto (Di me e di te) e il rap di Clementino (Quando sono lontano). Non ci si aspettava forse il nome di Valerio Scanu, già vincitore nel 2010 con Per tutte le volte che…, , che risale sul palco con Finalmente piove.   Grande ritorno e grande reunion quella di Morgan con i Bluvertigo con Infinitamente. Giovanissima dotata di una gran voce Francesca Michielin canta Nessun grado di separazione. Ultima canzone della lista dei big è Vincere l’odio, il grande ritorno di Elio e le storie Tese, al loro terzo Sanremo: nel 1996 si classificarono secondi con la celebre Terra dei cachi.    Ancora top secret le vallette che accompagneranno Conti dal 9 al 13 febbraio. Quel che si sa è che uno degli ospiti delle serate sarà l’amico di una vita Leonardo Pieraccioni.

     

    adv

    Questa la lista degli artisti, con le canzoni che interpreteranno

    Giovanni Caccamo e Deborah Iurato – Via da Qui
    Noemi – La borsa di una donna
    Alessio Bernabei – Noi siamo infinito
    Enrico Ruggeri – Il primo amore non si scorda mai
    Arisa – Guardando il cielo
    Rocco Hunt – Wake Up
    Dear Jack – Mezzo respiro
    Stadio – Un giorno mi dirai
    Lorenzo Fragola – Infinite volte
    Annalisa – Il diluvio universale
    Irene Fornaciari – Blu
    Neffa – Sogni e nostalgia
    Patty Pravo – Cieli immensi
    Clementino – Quando sono lontano
    Zero Assoluto – Di me e di te
    Dolcenera – Ora o mai più
    Valerio Scanu – Finalmente piove
    Morgan e i Bluvertigo – Semplicemente
    Francesca Michielin – Nessun grado di separazione
    Elio e le Storie Tese – Vincere l’odio

    Il Festival della Canzone Italiana di Sanremo, o più comunemente Festival di Sanremo, è una manifestazione di musica che ha luogo ogni anno a Sanremo, in Italia, a partire dal 1951. A esso ha preso parte, in veste di concorrente, ospite o compositore, la quasi totalità dei nomi celebri della canzone italiana. Il Festival, giunto nel 2015 alla sessantacinquesima edizione, rappresenta uno dei principali eventi mediatici italiani, con un certo riscontro anche all’estero, dato che viene trasmesso in diretta sia dallatelevisione, in Eurovisione, sia dalla radio, e ad ogni sua edizione non manca di sollevare dibattiti e polemiche.

    adv

    Pur essendosi susseguite continue modifiche alla sua formula, il Festival consiste essenzialmente in una competizione tra brani selezionati nei mesi immediatamente precedenti da un’apposita commissione, valutando le candidature pervenute. Tali brani, che devono essere stati composti da autori italiani con testi in lingua italiana (od anche in uno dei vari dialetti regionali italiani), vengono proposti da diversi interpreti in prima assoluta, quindi mai eseguiti pubblicamente in precedenza, pena la squalifica.

    Essi vengono votati da giurie scelte (demoscopiche, di addetti ai lavori, di consumatori) e/o mediante il voto popolare (sotto forma di televoto, ed in passato da giocatori di concorsi di altro genere quali il Totip), e vengono proclamati e premiati i tre brani più votati (in alcuni casi i soli vincitori assoluti) tra quelli in gara nella sezione principale, denominata solitamente degli interpretiBig, Campioni od Artisti (talvolta con ulteriori suddivisioni quali Donne, Uomini, Gruppi e Classic), ed in quella degli esecutori meno conosciuti, detta generalmente Nuove Proposte o Giovani. Vengono assegnati anche altri riconoscimenti speciali, fra cui ilPremio della Critica “Mia Martini”, decretato dalla stampa specializzata a partire dal 1982.

    Spesso il Festival ha avuto anche la funzione di selezione, tramite un’apposita commissione della Rai, dell’artista ed eventualmente del brano che farà da rappresentante dell’Italia all’Eurovision Song Contest dell’anno in corso, manifestazione istituita nel 1956 che trasse proprio dal Festival di Sanremo la sua ispirazione.

    La statuetta del Leone di Sanremo è il riconoscimento più prestigioso per i musicisti e gli interpreti italiani di musica leggera.

    Originariamente la sede della kermesse era il salone delle feste del Casinò di Sanremo, ed il periodo di svolgimento cadeva intorno alla fine di gennaio, mentre dal 1977 si svolge al Teatro Ariston della città ligure (con esclusione dell’edizione del 1990che si è svolta al Palafiori di Valle Armea, frazione del comune di Sanremo), in un periodo che, dal 1988, oscilla tra la metà di febbraio e l’inizio di marzo.

    adv