Home Italia & Esteri Mosca difende Assad e dice no a bozza Onu. Gogna mediatica contro...

Mosca difende Assad e dice no a bozza Onu. Gogna mediatica contro Damasco

Mosca difende Assad e dice no a bozza Onu. All’origine dell’attacco chimico che ha provocato decine di morti a Idlib in Siria, fra cui molti bambini, vi sarebbe stato il bombardamento da parte dell’aviazione siriana di un «deposito terroristico» in cui erano contenute «sostanze tossiche» usate per produrre proiettili contenenti agenti chimici.
Sulla vicenda i  media occidentali si sono affrettati ad accusare Damasco di aver usato armi chimiche nel bombardamento aereo a Khan Sheikhun e si è anche tentato di dare la colpa alla Russia.
Lo sostiene la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, specificando che «oggi l’aeronautica siriana ha effettuato attacchi aerei nella periferia est della città di Khan Sheikhoun come parte dell’operazione per affrontare le conseguenze della recente avanzata dai gruppi armati nella provincia di Hama».

«Le notizie sul presunto utilizzo di armi chimiche da parte del governo siriano contro il proprio popolo sono apparse on-line e su alcuni mezzi di comunicazione di parte istantaneamente – ha accusato Zakharova – Curiosamente, in un primo momento ci sono state segnalazioni che le munizioni cariche di sostanze tossiche fossero state sganciate da un aereo russo con tanto di numero di vittime e riprese video che mostravano anziani, donne e bambini morenti o già morti».

Zakharova ha osservato che le informazioni fornite dai caschi bianchi, che sono utilizzati dai mezzi di comunicazione per seguire gli sviluppi nella regione, sono in continua evoluzione e sono stati menzionati vari tipi di agenti tossici utilizzati durante gli attacchi.

PUBBLICITÀ

Intanto sulla tragedia siriana, il segretario generale  dell’Onu Antonio Guterres  ha definito quanto accaduto un vero e proprio «crimine di guerra».

«Gli orribili eventi di ieri dimostrano che purtroppo in Siria continuano a verificarsi crimini di guerra. Il diritto internazionale umanitario continua ad essere violato con frequenza», ha spiegato a Bruxelles a margine della conferenza sul futuro della Siria.