Home Contatto Blog Leggings o pantaloni a vita bassa, a ognuno il suo stile!

Leggings o pantaloni a vita bassa, a ognuno il suo stile!

C’e’ una pubblicazione in commercio #Likeforlike, combinata da tre autori che parla in lungo e in largo di categorie, strumenti e costumi dell’attuale societa’ dominata dai media. In detto libro si scopre quella fitta serie di oggetti e immagini che attraverso il web influenzano gli internauti ed i followers. E si parla anche dei capi di abbigliamento in voga oggi e che in molti casi costituiscono dei ritorni; perche’, non dimentichiamo, la moda e’ fatta di corsi e ricorsi storici.

Ed e’una fortuna per il settore e per la sua stessa sopravvivenza, altrimenti gli addetti dovrebbero cambiare mestiere non avendo nulla di nuovo da proporre. Nel libro si parla anche dei leggings, cioe’ di quell’indumento femminile, aderente e pratico da indossare, che sostituisce gonne e pantaloni; ma che ha un particolare estetico molto specifico: essendo un indumento stretto e aderente, mette in evidenza gambe, glutei e qualche chilo di troppo (ove presente).

PUBBLICITÀ

C’e’ stata pure una polemica nello stato americano dell’Indiana dove la madre di una studentessa chiedeva all’universita’ frequentata dalla figlia di mettere al bando i leggings in quanto “costituivano un azzardo e una distrazione nei confronti degli sguardi del maschio”. Istanza a cui hanno risposto gli studenti  stessi organizzando “una giornata dell’orgoglio leggings” con esplicito invito a indossare l’aderente indumento. Morale della favola: certo la signora ha dimostrato eccessiva preoccupazione verso il turbamento che puo’ provocare la visione delle forme femminili attraverso i leggings, specie in un’epoca ove i ragazzi sono bombardati attraverso i media dalle immagini sensuali quando non esplicitamente porno.

Quindi non ce la sentiamo di avallare la messa al bando dei pantacollant tanto amati e diffusi tra le donne; che non sono una novita’ in quanto il loro uso si era annunciato gia’ negli anni settanta con i fuseaux. Pertanto lo stretto indumento non sara’ mai considerato immorale in quanto piace indossarlo ad una moltitudine, non fosse altro che per la sua praticita’.

Del resto la moda e gli stili di vita sono dettati dalla regia di pochi soggetti: gli influencer ad esempio sono persone che frequentano ambienti “VIP” e riescono a lanciare tendenze; oppure i cacciatori di personaggi famosi o presenzialisti che aiutandosi con il marketing riescono ad avere un seguito e lanciare nuovi stili. Infine ci sono i frequentatori di fiere con buona intuizione che, studiando i comportamenti e i gusti della societa’ riescono ad anticipare le linee guida con largo anticipo. E dalla stravaganza di tali operatori vengono lanciati indumenti anche strani o curiosi che, una volta lanciati sul mercato, vengono pedissequamente indossati da tutti coloro che intendono stare al passo coi tempi.

E cosi’ la stragrande maggioranza dei clienti acquista capi d’abbigliamento in commercio, senza curarsi troppo se siano adatti o meno alla propria taglia o al proprio portamento. Si bada essenzialmente ad essere “in”, cioe’ all’inclusione, anche se poi questo comportamento porta dritto all’omologazione che e‘ l’opposto della personalizzazione e quindi dell’essere se stessi. Pertanto succede che si siano tanto diffusi i pantaloni a vita bassa, importati dai rapper americani che, a indossarli solo dieci anni fa, avrebbero suscitato grasse risate e di scherno. E a chi potrebbero piacere le giacche corte e risicate o i pantaloni a sigaretta appiccicati agli stinchi, se non previamente benedetti dai guru della moda?

Eppure giacche corte e pantaloni stretti si sono diffusi, anche perche’ trovare nei negozi vestiti dalle forme “normali” e’ diventata un’impresa! I perfezionisti della moda l’hanno ormai vinta, sarà difficile tornare indietro. Noi, speriamo sempre nel buon gusto e soprattutto buon senso.