Home Altri Sport Formula 1, Hamilton prevale nel diluvio brasiliano

Formula 1, Hamilton prevale nel diluvio brasiliano

Ma il titolo si assegnera’ ad Abu Dhabi

Il Gran Premio del Brasile non è bastato a definire il duello tra i due piloti della Mercedes. Sarà l’ultima gara di Abu Dhabi ad assegnare il titolo al pilota inglese oppure al tedesco Rosberg che lo precede in classifica di 12 punti. Ma la gara odierna corsa sotto una pioggia battente ha visto la performance del’impetuoso Max Verstappen.

Il pilota olandese, che ha debuttato lo scorso anno ancora 17enne in Formula 1, ma che si è ambientato fin troppo da dover essere richiamato alla calma…ma qui c’e’ anche classe! A differenza del pilota russo Danil Kvjat (ricordiamo alcune scorrettezze ad inizio stagione anche ai danni di Vettel) per il quale si trattava solo di foga punita con sanzioni. L’enfant terrible Verstappen, senza alcun timore riverenziale, ha oggi superato in sequenza Raikkonen, Rosberg e Vettel  ed ha rimontato dal 13simo posto al terzo in soli dieci giri, in una gara non facile perche’ interrotta da ben cinque pit stop e da numerosi interventi della safety car.

PUBBLICITÀ

Ma il Gran Premio del Brasile ha anche registrato l’emozionante ritiro dalla Formula 1 del pilota di casa, quel Felipe Massa che non e’ riuscito a trattenere le lacrime; un driver che per la sua sensibilita’, oltre che per la sua bravura, ha lasciato un buon ricordo anche in casa Ferrari. Ricordiamo la sfortunata stagione in cui rimase infortunato perche’ colpito al volto da un bullone vagante schizzato in pista.

Nella gara brasiliana la Ferrari e’ comparsa solo per onor di firma, entrambi i suoi piloti poco motivati sono apparsi anche timorosi delle condizioni della pista allagata, risultato: Vettel in testa coda e Raikkonen finito fuori pista nelle reti.

A suo agio invece l’inglese Hamilton che pero’ se vorra’ portare a buon fine la sua rimonta dovra’ vincere l’ultima gara in programma tra due settimane ad Abu Dhabi e sperare nell’aiuto da parte delle due Red Bull, uniche vetture in grado di piazzarsi nelle posizioni di testa (delle Ferrari un po’ meno!).

Ma il collega-rivale, il tedesco Rosberg, non stara’ a guardare cercando di accaparrarsi quella terza posizione che gli frutterebbe il titolo mondiale. A riprova dello strapotere della Mercedes che da due stagioni mette alle sue spalle tutte le rivali , avendo totalizzato quest’anno circa 700 punti in classifica.