Home Calcio Euro2016, la Coppa è realizzata in Irpinia

Euro2016, la Coppa è realizzata in Irpinia

Il trofeo che sarà consegnato alla Nazionale vincitrice dei Campionati Europei di Francia 2016 è un prodotto Made in Irpinia. La coppa, infatti, è realizzata dall’Azienda “Iaco Group”, di Igino e Alberto Iacovacci. Il trofeo ideato da Henry Delaunay non è l’unico prodotto dall’azienda a livello nazionale e internazionale: anche la coppa dell’ultimo Scudetto, quella della Coppa Italia e altri trofei europei sono stati realizzati dalla ditta irpina. La Iaco Group ha vinto l’appalto per la produzione degli ambiti trofei dopo il 2007: fino a quell’anno la coppa si produceva nelle gioiellerie reali Asprey, a Bond Street, caratterizzate dall’eleganza e dalla raffinatezza. Un’azienda, quella irpina, che vanta oltre 30 anni di esperienza e di attività. E’ specializzata nella produzione e nel commercio di articoli promozionali volti a valorizzare l’immagine istituzionale e commerciale di enti, club, federazioni sportive e società. La cura del dettaglio, una grande attenzione ai servizi ed alla qualità dei prodotti offerti, hanno permesso all’azienda di conquistare quote di mercato importanti, diventando il riferimento di prestigiose realtà istituzionali e private. La Iaco Group è in grado di ideare, sviluppare e curare progetti evoluti di marchandising, ponendosi come il partner ideale per affermare l’identità ed il valore di un marchio attraverso la realizzazione di prodotti esclusivi per premiazioni ed eventi (trofei, coppe, targhe, gagliardetti), elementi di oggettistica (distintivi, portachiavi, medaglie) e articoli vari. Il trofeo di Euro2016 è realizzato a mano, quasi interamente in argento e pesa circa 8 kg. E’ ispirato al disegno originale del primo trofeo che l’Italia ha alzato in una sola occasione e riporta un calciatore che palleggia. Per la realizzazione ci sono voluti ben cinque mesi di lavoro e di attenzione ai dettagli ma i produttori si sono detti orgogliosi che l’Uefa abbia scelto la loro azienda per realizzare la Coppa.

PUBBLICITÀ