Colombia, colate di fango a Mocoa: sale a 273 il bilancio delle vittime

Mocoa (Colombia) – All’indomani delle colate di fango, il governo colombiano ha dichiarato lo stato d’emergenza economica nella città di Mocoa, nel Sud della Colombia, dove le colate di fango hanno provocato più di 270 morti, secondo l’ultimo bilancio. Tra le vittime, ha indicato il governo colombiano, ci sono 43 bambini.

“Abbiamo il bilancio delle persone che sono purtroppo morte”, ha dichiarato il presidente Juan Manuel Santos, che si è recato sul luogo del disastro, “L’ultimo è di 273 morti e 262 feriti”. In precedenza aveva indicato la presenza di almeno 43 bambini tra le vittime.

Tra le persone scomparse potrebbero esserci anche due italiani. Secondo le prime informazioni in possesso dalla croce rossa, ci sono quattro o cinque stranieri, tra i quali due italiani, due israeliani e un russo che si trovavano nella zona di Mocoa e che non hanno ancora dato loro notizie alle rispettive famiglie. In questi giorni non sono mancati gli interventi dei soccorsi della Croce rossa colombiana (Crc), Cesar Urueña.

Santos trascorrerà la notte in una vicina base militare e martedì continuerà a coordinare il lavoro dei servizi di soccorso. Il presidente ha detto che la ricostruzione inizierà, smentendo l’ipotesi di ulteriori colate di fango, ma ha avvertito che le piogge in Colombia proseguiranno fino a giugno.