Home Sociale Antigone appello a Napolitano | istituire Garante Nazionale detenuti

Antigone appello a Napolitano | istituire Garante Nazionale detenuti

pace

L’associazione Antigone – da anni impegnata in prima linea per i diritti e le garanzie nel sistema penale, nata nata alla fine degli anni ottanta nel solco della omonima rivista contro l’emergenza promossa, tra gli altri, da Massimo Cacciari, Stefano Rodotà e Rossana Rossanda. E’ un’associazione politico-culturale a cui aderiscono prevalentemente magistrati, operatori penitenziari, studiosi, parlamentari, insegnanti e cittadini che a diverso titolo si interessano di giustizia penale.L’associazione Antigone promuove una petizione, tramite la piattaforma www.change.org, diretta al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, chiedendo che il suo ultimo atto, prima di lasciare il Quirinale, sia quello di nominare il Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute. Uno dei primi firmatari è Patrizio Gonnella, presidente dell’associazione Antigone che in una news del sito di antigone, invita il Presidente Napolitano a porre in essere grande attenzione al problema delle carceri, stimolando il Parlamento e il Governo a porre rimedio a situazioni gravissime”. “Il Garante è una figura che molte democrazie si sono date e che le Nazioni unite ci chiedono di far nascere al più presto”. Oltre allo stesso Patrizio Gonnella, i primi firmatari della petizione sono Luigi Manconi (senatore, Presidente della Commissione Straordinaria per la Tutela e la Promozione dei Diritti Umani) e Franco Corleone (Garante dei detenuti della Regione Toscana). In una lettera inviata al presidente dall’ associazione Antigone scrivono “In vista delle annunciate dimissioni, le chiediamo un ultimo, decisivo intervento: solleciti il Governo ad avanzarle la proposta del collegio del Garante Nazionale delle persone private della libertà e apponga la sua firma sotto il primo decreto di nomina di questa fondamentale istituzione, chiedono al Governo di indicare subito al Capo dello Stato tre persone esperte in diritti umani così come la legge richiede, passando dalle enunciazioni ai fatti nominando la figura del Garante Nazionale dei detenuti nel segno della competenza, dell’esperienza, dell’impegno civico a sostegno delle persone private della libertà. La petizione è aperta a tutti basta andare sul sito www.chance.org