Home Scienza e Tech Youtube a pagamento in autunno, due servizi in abbonamento

Youtube a pagamento in autunno, due servizi in abbonamento

ACQUISTA SU EBAY
Io, lui e nessun altro - Romanzo sulla dipendenza affettiva

Youtube – A rivelarlo è il più famoso blog tecnologico del mondo, The Verge, pare infatti che la più imponente piattaforma di video online,Youtube, appartenente al colosso americano Google possa introdurre a breve dei servizi a pagamento. Tali servizi dovrebbero essere due e saranno lanciati nella seconda metà di autunno. In realtà si tratterebbe, della continuazione della formula applicata già con il servizio YouTube Music Key (un servizio per lo streaming musicale in abbonamento lanciato a novembre scorso) e di un secondo servizio al momento senza nome che farà pagare gli utenti per alcuni contenuti.

“In questo modo – fa notare The Verge – YouTube sarebbe un mix di contenuti gratis, come li conosciamo oggi con annunci pubblicitari prima o durante i video e anche a pagamento con un abbonamento”. La piattaforma di condivisione video lanciata più di 10 anni fa vuole monetizzare la sua enorme popolarità cercando allo stesso tempo di contrastare un colosso come Facebook. Il più imponente social network della storia ,creato dal giovane Mark Zuckerberg  sta rapidamente crescendo in tutti i settori, in modo particolare il settore video sta avendo una crescita impressionante, basti pensare come nel mese di gennaio la visualizzazione dei video di facebook ha superato quella di youtube.

Queste le statistiche di Youtube,

  • YouTube ha più di 1 miliardo di utenti.
  • Ogni giorno le persone guardano centinaia di milioni di ore di video su YouTube e generano miliardi di visualizzazioni.
  • Il numero di ore di visualizzazione ogni mese su YouTube aumenta del 50% anno su anno.
  • Ogni minuto vengono caricate su YouTube 300 ore di video.
  • Circa il 60% delle visualizzazioni di un creativo provengono da un Paese diverso dal suo.
  • YouTube è localizzato in 75 Paesi e disponibile in 61 lingue.
  • Metà delle visualizzazioni di YouTube provengono da dispositivi mobili.
  • Le entrate da dispositivi mobili su YouTube aumentano del 100% anno su anno

Il concetto che dovrebbe seguire YouTube con i servizi a pagamento non si discosta molto da quello messo in campo da Apple Music e Spotify ma anche da piattaforme come Sky e Mediaset Premium che propongono “pacchetti” online di contenuti (sport, film, intrattenimento). Senza contare Netflix che da ottobre sbarca anche in Italia. A