Home Primo Piano Usa, gemelle siamesi: meglio morire che essere separate

Usa, gemelle siamesi: meglio morire che essere separate

Gemelle indivisibili dalla nascita, perché Lupita e Carmen sono gemelle siamesi, nate a Veracruz, in Messico, dai genitori Norma e Victor, le due sorelline non si sono mai separate, insieme hanno condiviso l’infanzia e l’adolescenza 24/24 ore senza mai separarsi.

Lupita e Carmen gemelle siamesi da 16 anni

Oggi le sorelle siamesi, hanno 16 anni e rischiano seriamente dei peggioramenti per la loro salute, i dottori già allora dopo la nascita le dissero che sarebbero rimaste in vita per soli tre giorni, nessuno ci avrebbe scommesso, eppure vivono insieme da 16 anni. La famiglia si è trasferita dal Messico negli Usa, qui  le gemelle si sono integrate e sono cresciute imparando a condividere ogni attimo della loro esistenza, dal risveglio al mattino ai sogni.

Una vita in simbiosi

La loro vita in simbiosi purtroppo ha messo seriamente a rischio la loro salute, con l’ aggravarsi delle condizioni di Lupita, affetta da una scoliosi che le schiaccia i polmoni. Per lei, tuttavia, l’ipotesi di essere operata potrebbe risultare fatale o provocarle danni al cervello. Per anni i genitori hanno pensato che separarle sarebbe stata la soluzione per garantire loro una vita migliore. Una scelta che, però, Lupita e Andrade, non hanno mai accettato, rifiutandosi categoricamente di separarsi,infondo questo tipo d’intervento potrebbe compromettere la vita dell’altra.

Una scelta questa per i genitori non semplice, le gemelle devono fare i conti con l’operazione che le dovrebbe separare.

L’intervento, una soluzione per migliorare le condizioni di salute

I medici statunitensi hanno consigliato  alle sorelle siamesi,  un intervento chirurgico quanto prima, in quanto c’è la possibilità che con il tempo le condizioni possano aggravarsi. Una doccia fredda per le sorelle: “Siamo così dipendenti l’una dall’altra”, ha detto Lupita, aggiungendo che dubita che potranno “abituarsi a non essere dipendenti l’una dall’altra”, l’intervento è altamente rischioso, un lutto potrebbe essere davvero insostenibile.