Home Spettacoli Quo Vado? Zalone racconta il suo posto fisso in 900 sale,...

Quo Vado? Zalone racconta il suo posto fisso in 900 sale, sarà record al botteghino?

Checco Zalone si fa in tre... e diventa virale: che attesa per il nuovo film

checco zalone

Quo Vado? – Torna al cinema Checco Zalone, il musicista-attore che con i suoi precedenti film, “Cado dalle nubi”, “Che bella giornata” e “Sole a catinelle”, ha frantumato ogni forma di record del cinema Italiano. La nuova pellicola si chiamerà “Quo vado?” , sarà diretta ancora una volta da Gennaro Nunziante ed uscirà nel giorno di capodanno 2016. Nessun Trailer per pubblicizzare il film, ma piuttosto dei piccoli spot divertenti,girati dallo stesso Zalone in farmacia, Vaticano e dallo psicologo e postati sulla sua pagina Facebook, una mossa geniale considerato che i tre mini-video sono diventati virali in pochissimo tempo, con milioni di visualizzazioni e condivisioni. L’obbiettivo per Checco Zalone è evidente, far divertire ancora una volta il suo pubblico e soprattutto tentare di superare il record d’incassi di SOLE A CATINELLE e i suoi 51 milioni di incassi.

Checco Zalone torna con Quo Vado? dal 1 gennaio nei cinema sarà nuovamente record d’incassi? probabile.

“E’ un mito che non sradichi nemmeno con le cannonate” racconta a Tv, Sorrisi e Canzoni“Io non ho mai avuto il posto fisso, ma era l’obiettivo di mia madre”.”Mi offrono dei soldi per andarmene, oppure il trasferimento in Val di Susa – racconta – Tutti gli altri accettano i soldi ma io sono un eroe che, nella lotta per conservare i privilegi, viaggio dappertutto. Gli assegni e le proposte aumentano, ma io non cedo nemmeno di fronte all’amore”.

Saranno 900 le sale che dall’1 gennaio proietteranno l’atteso nuovo film del comico pugliese. Ma in qualche cinema si parte il 31, sarà boom

Trama

Quo Vado?, il nuovo film di Checco Zalone, tratta la storia di Checco, un uomo che ha realizzato tutti i sogni della sua vita. Voleva vivere con i suoi genitori evitando così una costosa indipendenza e c’è riuscito, voleva essere eternamente fidanzato senza mai affrontare le responsabilità di un matrimonio con relativi figli e ce l’ha fatta, ma soprattutto, sognava da sempre un lavoro sicuro ed è riuscito a ottenere il massimo: un posto fisso nell’ufficio provinciale caccia e pesca. Con questa meravigliosa leggerezza Checco affronta una vita che fa invidia a tutti. Un giorno però tutto cambia. Il governo vara la riforma della pubblica amministrazione che decreta il taglio delle province. Convocato al ministero dalla spietata dirigente Sironi, Checco è messo di fronte a una scelta difficile: lasciare il posto fisso o essere trasferito lontano da casa. Per Checco il posto fisso è sacro e pur di mantenerlo accetta il trasferimento. Per metterlo nelle condizioni di dimettersi, la dottoressa Sironi lo fa girovagare in diverse località italiane a ricoprire i ruoli più improbabili e pericolosi ma Checco resiste eroicamente a tutto. La Sironi esausta rincara la dose e lo trasferisce al Polo Nord…

 

Checco Zalone, nome d’arte di Luca Pasquale Medici[1] (Bari, 3 giugno 1977), è un cabarettista, comico, musicista, cantautore,imitatore, attore, conduttore televisivo e sceneggiatore italiano.

Presente in molte edizioni di Zelig come comico, è salito alla ribalta nel 2006 grazie alla canzone Siamo una squadra fortissimi, uscita all’indomani della vittoria dell’Italia al Campionato mondiale di calcio 2006.

Debutta come attore nel 2009 con l’uscita del suo primo film di successo Cado dalle nubi, seguito da Che bella giornata nel 2011; quest’ultimo raggiunse un totale di € 42.779.000 al botteghino italiano, superando così gli incassi di un altro storico film di successo italiano La vita è bella di Roberto Benigni e diventando così il terzo film di sempre (dopo Avatar e Titanic) ad aver incassato maggiormente in Italia.

Nel 2013 esce il suo terzo film Sole a catinelle che incassa la cifra record di € 51.000.000, superando di molto gli incassi dei precedenti due capitoli e risultando definitivamente il film italiano con il maggior incasso di sempre in Italia.