Home Politica Primarie Pd, Roma e Napoli avanzano i candidati “Renziani”.

Primarie Pd, Roma e Napoli avanzano i candidati “Renziani”.

Elezioni Quirinale

Politica – Le primarie che si sono svolte a Napoli e Roma, erano molto attese, in quanto hanno rappresentato l’ennesima resa di conti tra le varie anime del partito al netto della partecipazione, seppure buona dei cittadini. I risultati sono inconfutabili , consacrando almeno per ora, la vittoria della linea voluta dal Premier e Segretario Pd Matteo Renzi. Infatti i suoi candidati hanno trionfato su tutti gli altri, con risultati davvero importanti come dimostra il dato su Roma, dove il candidato Renziano si è imposto con il 64% dei consensi. La schiacciante vittoria di Roberto Giacchetti fa esultare tutti i big del partito vicini al Segretario Nazionale, anche perché la partita su Roma è decisiva anche in chiave nazionale. Di sicuro il partito seguirà da vicino tutta la campagna elettorale, per portare almeno al ballottaggio la coalizione di centrosinistra che sarà guidata appunto dall’onorevole Giacchetti, il quale potrà di sicuro beneficiare del grande caos e delle forte divisioni che il centrodestra romano sta vivendo, visto che ancora ad oggi non ha scelto il suo candidato Sindaco unitario, anche perché se sia Bertolaso(designato direttamente da Silvio Berlusconi), che Storace leader della “Destra”, sono già da tempo in campagna elettorale, cosi come Alfio Marchini. Da Roma a Napoli la sostanza e il risultato non cambia, anche alle primarie per il comune partenopeo, si impone una candidata Renziana, l’onorevole Valeria Valente già assessore al comune di Napoli nell’ultima giunta Iervolino, la quale appoggiò con convinzione Gianni Cuperlo e non Renzi nelle primarie del dicembre 2014 per la segreteria nazionale del partito. La Valente si è imposto su Antonio Bassolino, il quale invece nel 2014 appoggiò senza se e senza ma l’attuale Premier-Segretario Renzi. La sconfitta bruciante di Bassolino, rappresenta una “rottamazione” di un modo e di una visione di far politica, che comunque nel passato ha di sicuro fatto crescere la città di Napoli e la  Regione Campania.