Home Territorio L’ufficio postale a Piazza di Pandola non sarà soppresso ma rimodulato

L’ufficio postale a Piazza di Pandola non sarà soppresso ma rimodulato

Soppressione dell’ufficio postale evitata. Una bella notizia per i cittadini di Piazza di Pandola e non solo. La Direzione di Poste Italiane, Nazionale, Regionale e Compartimentale ha accolto le richieste avanzate dall’Amministrazione Comunale di Montoro e ha rimodulato l’orario e i giorni di apertura dell’Ufficio in Corso Pietro Ascolese. Tre i giorni settimanali in cui si potrà accedere ai servizi postali: martedì dalle ore 8.20 alle 13.45, giovedì dalle ore 8.20 alle 13.45, sabato dalle ore 8.20 alle 13.45. L’intervento è seguito ad un attento monitoraggio dei flussi di ciientela e dei voiumi registrati nel tempo e, attualmente, l’organizzazione dell’ufficio risulta adeguata alla media di operazioni svolte quotidianamente.
Presso la Città sono operativi anche gli uffici postali denominati: Montoro Inferiore, Montoro Superiore, San Pietro di Montoro Superiore e Borgo di Montoro Inferiore, tutti aperti dal lunedì al venerdi dalle 8,20 alle 13,35 e il Sabato dalle 8,20 alle 12,35; oltre l’ufficio di Banzano, aperto dal lunedì al venerdì dalle 8,20 alle 13,45, il sabato dalle 8,20 alle 12,45.
poste italianeIl primo cittadino di Montoro, Mario Bianchino, aveva inviato una missiva alla Regione Campania ed alla Direzione Centrale di Poste Italiane per cercare di scongiurare la soppressione dell’ufficio. Nell’ultimo consiglio comunale, tutti gli esponenti politici, avevano inoltre espresso la volontà di mantenere lo sportello, viste le necessità dei residenti e gli eventuali disagi nel dover raggiungere altri uffici postali per usufruire dei servizi. In data 3 Novembre è stata trasmessa la delibera numero 58 al Presidente della Regione Campania ed alla Direzione Centrale di Poste Italiane con la quale si esprime “la determinazione di competenza ad esercitare ogni azione finalizzata ad eviatare la paventata soppressione dell’Ufficio Postale della frazione Piazza di Pandola di questo Comune”. Missiva che ha avuto i suoi frutti.