Home Salute Studio choc, lavorare di notte e su turni si rischia il cancro:...

Studio choc, lavorare di notte e su turni si rischia il cancro: orologio biologico in tilt

Attenzione ai turni di notte: senza luce aumenta il rischio tumore

Erano gli anni 80 e in america nasceva l’abitudine di lavorare su turni anche negli uffici. Fino ad allora infatti, le turnazioni erano circoscritte solo ad alcuni lavori, tuttavia il progresso evolutivo e l’imminente espansione della Cina, “obbligarono” i grandi uffici a stelle e strisce a raddoppiare i dipendenti.

Il concetto di lavoro “estremo” è una caratteristica naturale della cultura orientale, difficile dire lo stesso di quella occidentale, dunque le turnazioni notturne all’epoca furono obbligate.Le grandi società americane non potendo sfruttare i dipendenti oltre i termini di legge, pensarono di raddoppiare il personale con turnazioni anche nelle ore notturne. In europa invece il lavoro notturno è sempre stato molto limitato a pochi settori, solo negli ultimi anni sta prendendo piede questa moda anche negli uffici.Secondo una ricerca, circa il 58% dei lavoratori Americani effettua anche un turno di notte. Va meglio in europa dove solo 18% è “costretto” a tale modalità lavorativa.

Lavorare di notte oggi è diventato normale, non solo, anche passare 4-5 ore comodamente distesi nel proprio letto con la luce del monitor, tablet o smartphone sparati in pieno volto è ormai una consuetudine di milioni di persone. Per quanto nel primo caso, purtroppo è lavoro e si può fare ben poco per evitarlo, nel secondo caso sarebbe buona norma dedicarsi al sonno piuttosto che a lunghe sessioni di chattate. Il motivo è presto che spiegato. L’organismo ha necessariamente bisogno di dormire di notte e rimanere sveglio di giorno. Esiste un orologio biologico formato da due geni regolatori, quando gli stessi vengono danneggiati dalla troppa luce si rischia un eccessiva produzione di cellule, con il rischio della formazione di tumori.

 

Dunque, lavori di notte o resti lunghe ore davanti ad un device? Male, il tuo organismo aumenta il rischio di insorgenza di patologie tumorali. Sembra assurdo ma è quanto emerso da uno studio pubblicato dalla famosa università americana Mit. Lavorare di notte significa sfasare completamente lo stile programmatico del nostro corpo. In pratica sarebbe come spezzare il normale ciclico dormi-veglia, mandando in tilt l’orologio biologico del nostro organismo. Non è il solo studio a confermarlo, nel corso degli anni diversi ricercatori hanno lanciato l’allarme, lavorare di notte può essere rischioso.

cellule-tumore

Attenzione alla luce notturna

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica  Cell Metabolismsecondo i ricercatori restare svegli di notte magari accompagnati da una fonte luminosa esterna, altera il meccanismo di crescita delle cellule che controllano le fasi biologiche della notte e del giorno,chiamati i due geni “lancetta”, Bmal1 e Per2. Per capirci sono i geni che ci permettono di dormire o rimanere svegli. Ma cosa accade? L’organismo umano è programmato per dormire almeno 8 ore al giorno, l’evoluzione ci ha portati a dormire durante la notte e rimanere svegli durante le ore diurne, ed è questo un principio fondamentale.

Lavorando di notte ad esempio, magari con una sola fonte luminosa sparata sul volto, (lampada,monitor) si va a scatenare un meccanismo distruttivo dei due geni. La fonte luminosa colpisce la retina ed invia un segnale al cervello, dove risiede in pratica l’orologio biologico dell’organismo che gestisce e regola tutte le lancette delle nostre cellule. Quando questo accade, si perde il normale ritmo sonno-sveglio e le funzioni protettive dei due geni regolatori Bmal1 e Per2 risultano inefficaci.

Rischio Tumori?

Il rischio di patologie tumorali, in modo particolare il tumore al polmone lo si è verificato studiando il comportamento sui topi.I ricercatori hanno scoperto come i roditori esposti a molte ore di luce in più del necessario, rispetto alle classiche 12, aumentasse il rischio di sviluppare una massa tumorale.I geni Bmal1 e Per2, infatti, regolano la tempistica con cui viene acceso un altro gene, detto C-myc, che controlla la crescita della cellula. Se i geni “controllori” vengono distrutti (a causa di un danno diretto al Dna o per un alterato ritmo sonno veglia), C-myc diventa eccessivamente attivo, creando e accelerando la crescita di ulteriori cellule, rischiando proprio la formazione di una massa tumorale.

ACQUISTA SU EBAY
Io, lui e nessun altro - Romanzo sulla dipendenza affettiva