Home Salute Resistere al caffè è difficile? Colpa del Dna: un gene ci dice...

Resistere al caffè è difficile? Colpa del Dna: un gene ci dice quanto caffè bere

La quantità di caffè che beviamo dipende dal nostro Dna

Eh si, il caffè, questo splendido nettare spesso chiamato l’oro nero anche per il giro di affari che riesce a produrre ogni anno. Ma perchè amiamo coi tanto il caffè? Cosa ci spinge ad essere cosi abitudinari nel consumare una tazzina di caffè? Ancora una volta a dircelo è la scienza, scopriamo come.

Ehi amico forse stai bevendo troppo caffè al giorno non credi? Quante volte vi siete sentiti ripetere questa domanda, bhe sicuramente tante. E chissà quante volte vi siete sentiti a disagio e con tutte le buone intenzioni vi siete promessi di berne di meno.

Tuttavia non dovete sentirvi troppo in colpa, consumare o meno più di un caffè al giorno è questione di genetica. Secondo uno studio condotto presso l’università di Edimburgo la passione per il caffè dipende per il 90% dal DNA. A quanto pare nel nostro organismo è presente un gene chiamato PDSS2, quando funziona correttamente gestisce un secondo gene che ha il compito di regolare la caffeina nel nostro corpo. Quando manca tale gene l’organismo ha bisogno di ulteriore caffeina, ed ovviamente il caffè rappresenta il Re di tale sostanza.

Lo studio  è stato condotto su oltre mille pazienti residenti in Puglia e Friuli Venezia Giulia. I dati sono stati poi confrontati con quelli raccolti su consumatori olandesi.

Il caffè più amato dagli Italiani

L’italia è il paradiso del caffè, consumiamo circa 400 mila tonnellate ogni anno, La maggior parte ama l’oro nero di mattina appena sveglio e subito dopo pranzo. Gli uomini in media
consumano 1,7 tazzine al giorno, mentre le donne si fermano a 1,5 per un totale di 15 miliardi di tazzine ogni anno. Il 25% delle persone almeno una volta al giorno consuma caffè al bar. Lo studio è stato condotto proprio su volontari Italiani, poi confrontati con altri volontari di nazionalità olandese.

Lo studio

I volontari sono stati selezionati in diverse zone d’Italia : 370 di Carlantino, in Puglia, e 843 di sei paesi del Friuli Venezia Giulia. Alla stessa maniera sono stati selezionati centinaia di volontari Olandesi da porre come metro di giudizio dello studio. Ai soggetti è stato chiesto quante tazzine di caffè consumassero ogni giorno, a che ora, e quale tipologia preferissero (amaro, zuccherato,corto,lungo), successivamente i risultati sono stati confrontati con i volontari Olandesi.

Hai la pasione per il Caffè? Una una questione di DNA

Tutte le volte che il gene “regolatore” non viene attivato in modo corretto la caffeina tende a rimanere nell’organismo per molto più tempo, dunque non si sente il bisogno di assumerne altra. Considerato che il caffè è il Re della caffeina ecco spiegato il perchè sia la bevanda più consumata al mondo. Tuttavia nuove ricerche dovranno chiarire proprio il meccanismo che mette in relazione il gene PDSS2 con il consumo specifico di oro nero.

ACQUISTA SU EBAY
Io, lui e nessun altro - Romanzo sulla dipendenza affettiva