La Bottega del Sottoscala regala emozioni in “poesie e suoni delle nostre terre”

La Bottega del Sottoscala regala emozioni in “poesie e suoni delle nostre terre”

La compagnia teatrale di San Michele di Serino fa di necessita’ virtu’: passa dai locali del sottoscala allo spazio aperto in ossequio delle regole imposte dall’emergenza Covid, pur di continuare a dare spettacolo (a proposito complimenti all’organizzazione che ha rispettato minuziosamente il protocollo anti virus; cio’non avviene dappertutto…)

La serata offre un mix di musiche e suoni delle nostre terre. La sezione musicale e’affidata al trio composto da Alessio Vito, Emilio Capuano e Gerardo Danna, che hanno interpretato brani della canzone napoletana in chiave piu’ marcatamente strumentale, talvolta rock, a tratti tecno: e’ stato piacevole ascoltare i classici come “Te voglio bene assai”di Caruso, Napul’e’ e Terra Mia di Pino Daniele, “Carmela” con sonorita’di chitarra elettrica abbinata all’ acustica. Ma i brani musicali costituivano l’intermezzo musicale dell’interprete principe della serata, Nicola Mariconda, anima della Bottega del Sottoscala, gruppo teatrale nato qualche anno fa anche grazie alla disponibilta’ dell’amministrazione di San Michele di Serino, che ha messo a disposizione la sede, per l’occasione divenuta open air.

Mariconda, che solitamente riveste il ruolo di organizzatore, ieri si esibito come interprete di poesie e racconti, di autori noti e meno noti; e lo ha fatto con maestria, adottando mimica e sonorita’ della voce ai personaggi che andava a rappresentare. Egli ha spaziato dai classici come “a livella” di Toto’a De Pretore Vincenzo, personaggio eduardiano che, avendo vissuto sempre al limite del lecito, alla fine della vita si presenta alle porte del Paradiso e riesce a convincere anche il Padreterno di avre diritto ad un posto in quel luogo, essendo stato costretto dalla poverta’ a vivere sul filo del rasoio a causa della precarieta’. Mariconda ha poi voluto omaggiare diversi compaesani, autori sconosciuti di poesie, interpretandole magistralmente. Il pubblico, che ha occupato tutti posti disponibili, previo prenotazione, ha mostrato di aver gradito lo spettacolo a cui ha tributato lunghi applausi, contribuendo con tesseramento ed offerte a cappello ad una realta’ teatrale che va sicuramente incoraggiata.