Home Salute Il freddo non ci deve spaventare, il corpo va temprato!

Il freddo non ci deve spaventare, il corpo va temprato!

Dopo un’estate calda e lunga, con il mese di luglio dalle temperature piu’ alte degli ultimi 140 anni, l’inverno sembra essere arrivato di colpo, tanto da far esclamare ancora una volta “non ci sono piu’ le mezze stagioni!”

Oramai siamo a meta’ novembre ed il Generale Inverno e’ alle porte, e con esso le giornate uggiose e le temperature vicine allo zero. Se nei Paesi nordici le mamme hanno abituato i figli in carrozzina a frequenti passeggiate anche sottozero, nel Belpaese, tranne che nelle localita’ alpine, e in specie al sud, si inorridisce ad esporsi al freddo e al gelo. Sbagliando, perche’ al freddo ci si abitua e invece tenendo l’organismo sempre al tepore va piu’ soggetto a malattie da raffreddamento, ad allergie e ad un peggiore funzionamento del sistema immunitario. Insomma , piu’ si sta al caldo, piu’ ci si ammala.

Con una precisazione: quello che fa male in assoluto e’ l’aria umida e gli sbalzi termici. A oggi anche in Italia si stanno scoprendo i benefici di vivere all’aria aperta. E’ ora infatti alla moda l’outdoor education, un programma che spinge molte insegnanti a fare lezione open air, anche nelle giornate piu’ fredde.
Abituare il corpo alle basse temperature significa aumentare la percentuale di grasso bruno presente nel nostro corpo: il grasso bruno e’, a differenza di quello bianco, un grasso buono che ci fa bruciare calorie e che possiamo incrementare vivendo in ambienti che non superino i 18° con un abbigliamento caldo, ma non eccessivo.

Come pure e’ consigliabile inoltre dormire in ambienti non molto caldi, per la qualita’ del sonno e perche’ si bruciano piu’ calorie. Per non parlare di altre buone pratiche che si vanno diffondendo, come la criosauna nei centri benessere e la doccia di contrasto, che si puo’ praticare anche a casa propria. La prima consiste nel sostare qualche minuto, dopo una dura fatica fisica, con il corpo a -100° raffreddato con vapore di azoto liquido, lasciando ovviamente la testa al caldo. Questo trattamento attiva processi di rigenerazione, contrasta l’obesita’e il diabete di tipo 2. Oppure fare il percorso Kneipp (dall’abate tedesco che lo introdusse nell’800), che consiste nel muoversi con le gambe in vasche freddo-caldo e viceversa: tale movimento e’ ottimo per la circolazione sanguigna.
In definitiva, i benefici del freddo arrecati al nostro organismo sono molteplici:
— stimola la concentrazione e favorisce la produzione di endorfine;
— ci fa dormire meglio e dimagrire;
— riduce il dolore dovuto ai traumi (non a caso si applica il ghiaccio sulle articolazioni doloranti;
— migliora la pelle ed il microcircolo;
— purifica l’aria da germi e batteri.