Home Calcio Ibrahimovic bleffa e non svela il suo prossimo club: “Per ora il...

Ibrahimovic bleffa e non svela il suo prossimo club: “Per ora il mio futuro è A-Z”

C’era grande attesa questo pomeriggio per Zlatan Ibrahimovic. Il campione, ormai ex giocatore del PSG, in occasione della presentazione della sua nuova linea di abbigliamento ‘A-Z Sportswear’, avrebbe dovuto, come promesso dallo stesso svedese, annunciare il suo prossimo club. E invece? Dopo numerose domande da parte dei tantissimi giornalisti presenti, l’attaccante ha clamorosamente “mentito”: “Il mio futuro per ora è A-Z, la mia nuova marca di vestiti. Vi farò sapere il mio futuro quando le storie su di me finiranno. Non c’è nessuna conferma al momento sullo United, ma tranquilli A-Z arriverà anche a Manchester, non vi preoccupate.”

Insomma, l’attesa per ora non è finita, nonostante tutti gli indizi e i rumors più accreditati portavano al Manchester United di José Mourinho. A quanto pare, però, Ibra non ha ancora deciso. Nel corso della presentazione, con la sua pagina Facebook che ha avuto più di 1 milione di visualizzazioni, Ibrahimovic si è soffermato sul suo passato, sui suoi idoli e su altri aspetti della sua vita: “Sarei voluto diventare un avvocato da piccolo, non sto scherzando. E’ la mentalità che fa differenza, in qualsiasi lavoro. Adesso sono contento di essere diventato un calciatore. Il primo idolo era sicuramente Muhammad Ali, un modello di vita per tutti noi. Mi sarebbe molto piaciuto conoscerlo. Nel tempo libero mi piace stare coi miei figli, vederli crescere da vicino. Con loro trascorro tanto tempo quando non sono a lavoro.”

Sull’esperienza al Psg ha dichiarato: “Sono stato benissimo a Parigi, un giorno tornerò. E’ stata un’esperienza che mi ha fatto crescere molto. Penso che arrivi un momento nella vita di qualsiasi giocatore in cui capisci di non poter fare di più di quello che hai fatto. Per questo non sono rimasto a Parigi e ho deciso di scegliere una nuova destinazione.”

Ibra per quale squadra ha tifato da giovane? “Domanda difficile, dico tutte le squadre che ho rappresentato”.

 

 

PUBBLICITÀ