Home Cultura Giovan Francesco Gonzaga in Mostra a Milano fino al 23 Dicembre

Giovan Francesco Gonzaga in Mostra a Milano fino al 23 Dicembre

Fondamentale mostra antologica del grande maestro lombardo Giovan Francesco Gonzaga

Presso la sede della nuova “Fondazione Giovan Francesco Gonzaga”, situata in Viale Umbria, 53 a Milano è stata recentemente allestita un’interessante mostra antologica sull’artista di grande talento. Essa è aperta dal martedì alla domenica dalle 15,30 alle 19,30 fino a mercoledì 23 dicembre 2015.
La mostra propone al visitatore uno “spaccato” della produzione artistica (dipinti, acquarelli, disegni, multipli e sculture) del pittore lombardo più apprezzato dai collezionisti del secondo novecento.

Giovan Francesco Gonzaga è nato a Milano nel 1921 ed è discendente da un ramo cadetto dei nobili di Gonzaga mantovani. Fin da ragazzo, nel Museo del Castello Sforzesco, passa ore a ricopiare gli studi e i disegni dei grandi del passato come Leonardo e Michelangelo. Dopo la licenza liceale, contro il volere della famiglia, si arruola volontario alla Seconda Guerra Mondiale con il Savoia Cavalleria partecipando con lo squadrone “Fantasma” ad azioni di pattuglia nella steppa russa.
Dopo l’esperienza dura della guerra continua a dipingere con passione, ma da autodidatta, considerando sua unica maestra la Natura. Nel 1955 Giovan Francesco Gonzaga intraprende un viaggio attraverso la Spagna, dal cui paesaggio la sua tavolozza si arricchirà di nuovo colore per i suoi animali e per i suoi ricercati paesaggi.
Nel 1962 dipinge alcuni quadri per la Chiesa della Medaglia Miracolosa di Milano, si tratta della Via Crucis, ora conservati nel sacello della stessa chiesa, per quest’opera otterrà, dall’allora Cardinale Arcivescovo di Milano Giovan Battista Montini, una medaglia d’oro.
Muore a Milano il 2 ottobre del 2007.

Il valore artistico dei lavori di Gonzaga gli hanno meritato vari riconoscimenti, fra cui si ricordano: nel 1963 con il Premio Marzotto, nel 1967 con il Pavone d’oro, nel 1972 con Le grolle, nel 1997 con una Medaglia d’oro da Papa Giovanni Paolo II e nel 2001 riceve dal Comune di Milano l’Ambrogino d’oro.
L’animo, la forma del maestro si sensibilizzano a quella poetica che tanto ha contribuito a contraddistinguere l’alto livello dello stile personale che accresce e divulga la fama dell’artista in ogni parte del mondo.
Giovan Francesco Gonzaga si è espresso adoperando come tecniche principali: l’olio, le matite, l’acquerello, la tempera, la litografia e la serigrafia su tela.
I soggetti solitamente raffigurati sono: cavalli, cavalieri, nature morte, soldati, ritratti e paesaggi; interessanti sono i soggetti d’Arte Sacra Cristiana come: crocifissioni, e soprattutto i ritratti della Vergine Maria, etc. oggi ricercatissimi.
Alcune sue opere sono esposte in importanti musei d’arte in tutto l’Occidente.

Stefano Orga
(Critico d’arte)