Home Sport Euro2016, Finalmente Eder, l’Italia batte la Svezia nel finale e va agli...

Euro2016, Finalmente Eder, l’Italia batte la Svezia nel finale e va agli ottavi

Basta un gol del finale di un criticatissimo Eder e l’Italia di Conte, dopo un mezzo passo falso dal punto di vista della prestazione rispetto alla gara contro il Belgio, batte 1-0 la Svezia di Ibrahimovic e va agli ottavi con un turno di anticipo. Formazioni confermate dalla vigilia, con Florenzi esterno al posto di Darmian, mentre nella Svezia Johansson prende il posto di Lustig nella Svezia, con Lindelof terzino destro, a centrocampo Ekdal al fianco di Kallstrom, davanti Guidetti. Gara brutta nel primo tempo per gli azzurri, con la Svezia molto più propositiva e combattiva, ma il primo tempo vede zero tiri in porta per Isaksson, zero per Buffon, solo pochi lampi e tanta confusione. La squadra di Conte parte bene nella ripresa e dopo pochi minuti Pellè, servito da Eder calcia alto. Candreva e Giaccherini sono sicuramente tra i più reattivi, ma i cross del laziale sono letti sempre bene dalla difesa o dal portiere svedese Isaksson. Conte inserisce Zaza al posto di un Pellè decisamente abulico, cercando di giocare in velocità e con meno punti di riferimento. All’82esimo arriva l’occasione più importante della gara: Giaccherini si accentra e fa partire un cross perfetto per l’inserimento di Parolo che, da solo, colpisce di testa: il pallone colpisce la parte alta della traversa e termina sul fondo. Il gol, però, è nell’aria. A due minuti dalla fine Chiellini batte una rimessa lunga verso Zaza che fa sponda di testa trovando Eder: l’aggancio è perfetto, la classe sicuramente non gli manca, dribbla la difesa svedese in velocità e con un destro a giro perfetto batte l’incolpevole Isaksson. E’ il gol che vale il successo. In un finale concitato Candreva prima sfiora il raddoppio e dall’altra parte Sturaro mette i brividi rischiando in un disimpegno facile e provocando un’occasione pericolosa per la Svezia. Finisce così. L’Italia (non bellissima e brillantissima) batte Ibrahimovic e se l’Irlanda non batte il Belgio è sicura del primo posto nel girone.

Eder commenta così il successo: “In questi Europei non ci sono partite facili. La Svezia è una squadra tosta, l’abbiamo studiata, ci abbiamo creduto fino alla fine, nella seconda parte abbiamo fatto meglio e tenevamo a questa vittoria. Bravo tutto il gruppo. Dove possiamo arrivare? L’importante è arrivarci senza rimpianti, la nostra forza è il gruppo di 23 ragazzi che, pur non avendo avuto spazio, sono stati tutti importanti. Il mio gol? Il calcio è così. Un anno puoi avere cose belle, un altro cose difficili. Il calcio è bello così, all’Inter ho giocato poco l’ultimo mese ma ho lavorato a casa, ho fatto tanto per l’Europeo e mi sono fatto trovare pronto”.

adv