Home Economia & Lavoro Economia, aprile, mese di aumenti sulle tariffe luce

    Economia, aprile, mese di aumenti sulle tariffe luce

    Non è uno scherzo legato al pesce d’aprile ma la verità,  da domani  primo aprile scattano le variazioni dei prezzi per le bollette di luce e gas. Per le famiglie ci sarà, nel secondo trimestre, un aumento del 2,9% per le bollette della luce e un calo del 2,7% per quelle del gas.

    Cosa succederà alla consueta bolletta – Dal primo aprile verranno addebitati sulla bolletta energia le percentuale di prezzo previsti per l’aumenta della luce mentre ci sarà una diminuzione del costo del gas, per un risparmio netto di circa 43 euro a famiglia. La bolletta dell’elettricità salirà del 2,9%, mentre quella del gas scenderà del 2,7%.

    adv

    Perché l’aumento della bolletta elettrica?

    Nonostante il cambio dell’ora legale, sull’andamento dell’elettricità pesano gli effetti dei rialzi di inizio d’anno nel mercato all’ingrosso, innescati dalle emergenze sui collegati mercati europei, specie quello francese, e dall’eccezionale ondata di freddo. Nel dettaglio, per l’elettricità, la spesa (al lordo tasse) per la famiglia-tipo nell’anno compreso tra l’1 luglio 2016 e il 30 giugno 2017 sarà di 505,54 euro, con un incremento dello 0,7% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1 luglio 2015 – 30 giugno 2016), con un aumento di 3,7 euro.

    Quanto andremo a spendere per il gas?

    Sulla tariffa del gas la spesa della famiglia tipo nello stesso periodo sarà di circa 1.029 euro, con un calo del 4,4% corrispondente a un risparmio di circa 47 euro.

    Cosa pesa sul prezzo dell’elettricità

    adv
    • L’aumento dei costi sul mercato francese per il fermo di numerose centrali nucleari
    • L’eccezionale ondata di freddo
    • L’aumento dei prezzi del gas.
    • l’aumento dei costi di distribuzione

    Perché il gas costa meno se il prezzo aumenta?

    • La componente ‘materia prima’ registra un leggero calo all’ingrosso
    • Meno costosi il trasporto e l’approvvigionamento.
    • Meno costosa la rinegoziazione dei contratti pluriennali