De Mita: “basta personalismi in politica, i partiti vanno rifondati”.

“Oggi tutti i partiti hanno una matrice personalistica e per questo siamo tutti un po’ apolidi. I partiti, quindi, vanno rifondati. Come Udc stiamo facendo un’operazione un po’ ardita. L’idea è quella di riscattare la dignità dei partiti e della politica. Non stiamo facendo semplicemente il tesseramento, ma avviamo un’operazione di riscatto della politica come servizio agli altri e di riscatto dei partiti come luogo dello stare insieme”. È quanto dichiarato dal deputato irpino dell’unione di centro Giuseppe De Mita in un incontro tenuto nel comune di Apice in vista del tesseramento del partito nelle varie realtà territoriali. Una fase di tesseramento che serve soprattutto a radicare ulteriormente il partito in Campania, facendo recuperare centralità alla politica come luogo di confronto con i cittadini.

“Tutto quello che liquidiamo come antipolitica altro non è se non una domanda insoddisfatta di buona politica. Un po’ tutti, nel corso del dibattito, hanno segnalato che la politica si ricompone anche attraverso i soggetti collettivi che la organizzano e i partiti sono i soggetti che dentro le democrazie raccordano la pluralità degli interessi dentro le istituzioni. Noi siamo chiamati a trovare le forme in ragione delle quali questo rapporto possa essere ricomposto”- aggiunge De Mita. Quanto emerso dalla parole di Giuseppe De Mita, conferma la intenzione dell’UDC di ritornare a ridiventare un partito capace di attrarre i delusi dalla politica e soprattutto i molti elettori che non si recano piu’ alle urne. I centristi dello scudo crociato, cercano di recuperare spazio nell’agire politico, partendo dalla idee, dalle proposte, e appunto dalla politica, quella vera.” La presenza di una forza politica come la nostra, di una forza politica che pone la storia come elemento programmatico, ha senso proprio per la sua capacità di far sorgere dubbi, di sollecitare dubbi”- conclude Giuseppe De Mita.