Record di contagi in Campania (1760) e l’Irpinia segue il trend

Dopo la flessione registrata ieri sono tornati a galoppare i contagi in Campania, ove oggi 21 ottobre e’ stato rilevato il numero piu’ alto di positivi da inizio pandemia. I casi sono 1760, di cui 99 con sintomi e 1.661 asintomatici. Questi dati comunicati dall’Unita’ di Crisi regionale; inoltre i decessi registrati oggi (verificatisi tra il 17 eil 20 ottobre)  ammontano a 11, mentre 106 sono le persone guarite. Riguardo ai posti letto dedicati al Covid su base regionale, la situazione e’ questa: su un totale di 227 posti di terapia intensiva disponibili, 85 risultano occupati, mentre su un totale di 1.100 posti di degenza complessiva, sono occupati 996.

L’Irpinia registra 39 casi di positivita’ nelle ultime 24 ore su 760 tamponi processati, mentre supera la quota di 900 contagi nella seconda fase della pandemia. Nel capoluogo ci sono 7 nuovi casi, mentre Ariano Irpino torna alla ribalta con 5 nuovi casi; gli altri (uno ciascuno) risultano residenti a Baiano, Candida, Casalbore, Frigento, Gesualdo, Vallesaccarda, Sturno, Manocalzati, Marzano di Nola, San Martino Valle Caudina, Sant’Angelo dei Lombardi, mentre 3 appartengono al territorio di Monteforte e 2 a Mugnano del Cardinale. Intanto in Regione, dopo l’Ordinanza n.82 del 20 ottobre con cui si stabiliva la chiusura di ogni attivita’ dalle ore 23 alle 5 di mattina, e’ arrivato il chiarimento da parte del Governatore De Luca. Tale precisazione prevede da lunedi 26 ottobre la ripresa della didattica in presenza per le scuole elementari (ed immediata per i bambini autistici e/o con disabilita’).

Mentre per la mobilita’ l’Ordinanza prevede la limitazione degli spostamenti interprovinciali, se non giustificati -previo autocertificazione- da motivi di lavoro, sanitari, scolastici e socio-assistenziali, o approvvigionamento di beni assistenziale.