Home Salute Ma quale viagra! Per combattere l’impotenza bastano 3 caffè al giorno

Ma quale viagra! Per combattere l’impotenza bastano 3 caffè al giorno

Il caffè meglio del viagra. Tre tazzine al giorno aiutano la fertilità, ma non abusarne

Dopo la recente creazione del “francobollo dell’amore”, ovvero un cerotto capace di aiutare notevolmente la guarigione dall’impotenza maschile, ecco arrivare la notizia, che la caffeina, e dunque soprattutto il caffè possono diventare un valido alternativa al viagra.

Il caffè  è la bevanda più consumata al mondo, con l’Italia ed il Brasile al primo e al secondo posto. L’oro nero ha tante proprietà che aiutano il nostro organismo a stare meglio (senza esagerare con l’assunzione), oltre a diventare un rito, si è scoperto essere anche un potente strumento per combattere la disfunzione erettile nell’uomo.

Bere il caffè, soprattutto al Sud Italia non è solo una tradizione,ma, un rito quotidiano per incominciare bene la giornata oltre che la condivisione di un minuto di riposo tra colleghi e amici.

A dichiararlo gli esperti della Società italiana di andrologia in occasione del congresso nazionale Sia, secondo cui, bere tre tazzine al giorno di caffè aiuterebbe notevolmente a contrastare la disfunzione erettile. Come è facile intuire, l’effetto viagra, viene fornito proprio dalla caffeina, che agisce da inibitore specifico della fosfodiesterasi favorendo maggiore afflusso del sangue nei corpi cavernosi del pene inducendo così l’erezione. Con tre tazzine di caffè al giorno è dunque possibile ridurre il rischio di impotenza fino ad un terzo, rispetto a chi non beve neppure un caffè o chi ne beve più di tre. Eh già, perchè anche con il caffè non bisogna esagerare, come tutte le cose buone, spingersi oltre, produce gli effetti contrari o dannosi per la salute.

La dieta mediterranea alleata dell’impotenza.

Non solo la caffeina fa bene al nostro piacere sessuale, secondo gli esperti anche una corretta alimentazione basata sulla dieta mediterranea è un vero tocca sana per l’uomo e le sue prestazioni sotto le lenzuola. Grazie alla dieta nostrana è possibile aumentare la quota degli spermatozoi fino al 95%, portandoli in una condizione di salute decisamente alta, oltre che di qualità elevata.

Tra gli alimenti consigliati si elencano quelli ricchi di antiossidanti, beta-carotene, licopene e vitamine A e C che combattono i radicali liberi che possono danneggiare il DNA degli spermatozoi. In poche parole, gli uomini dovrebbero mangiare più agrumi, pomodori, carote, ortaggi a foglia verde, uova, fagioli, latticini scremati, frutta secca e pesce.

Lo sport. La corretta alimentazione, resta il punto chiave per una salute di ferro, e in questo caso per una vita sessuale soddisfacente, tuttavia un secondo decisivo alleato arriva dallo sport. Fare regolare attività fisica, non necessariamente stressante o eccessiva, migliora notevolmente sia lo sperma che l’erezione. Secondo uno studio è raccomandabile superare almeno la soglia dei 10 mila passi al giorno per mantenersi in forma: il movimento regolare ha potenziali effetti sul benessere e sulla sessualità maschile