Bullismo? no grazie Lynelle Cantwell la paladina del bullismo

Potremmo definirla la paladina delle vittime del bullismo. Si chiama Lynelle Cantwell, è una ragazza di 17 anni canadese che non si è lasciata minimamente scalfire dagli esiti di un sondaggio , sulla più brutta della classe. Pubblicata dai compagni sul web, precisamente su ask.fm , sito molto popolare tra gli adolescenti, in questa lista nera , Lynelle Cantwell è stata piazzata nei primi posti, risultando insieme alla sua migliore amica, una delle più brutte della classe. La reazione di moltissime adolescenti sarebbe stata differente, la vergogna le avrebbe indotte a non uscire più di casa o la disperazione le avrebbe spinte a commettere gesti estremi, come è successo tante volte, anche in Italia.Tantissimi sono stati i casi di istigazione al suicidio causati da commenti pubblicati su Ask.fm, uno tra i social di tendenza e preferito dagli adolescenti. Questo è il motivo che lo ha trascinato sul banco degli imputati, fenomeni di cyberbullismo sono frequentissimi sul social. Lynelle Cantwell , l’adolescente canadese ha dato più che una lezione di vita a queste persone, rispondendo in questo modo: “Per la persona che ha creato il sondaggio “chi è la più brutta della classe” ,mi dispiace che la tua vita sia così triste da portarti a buttare gli altri giù di morale. Per i 12 che mi hanno votato, mettendomi al quarto posto. Mi dispiace anche per voi. Mi dispiace che non abbiate avuto la possibilità di conoscermi come persona. So che non sono la più bella da guardare. So di avere il doppio mento e di portare la taglia XL. So di non avere un sorriso perfetto, o un viso perfetto. Ma mi dispiace per voi. Non per me stessa. Mi dispiace che vi divertiate a far sentire le persone uno schifo. Mi dispiace perché non avrete mai la possibilità di sapere che tipo di persona sono. Forse non sembro ‘giusta’ dall’esterno. Ma sono divertente, buona, gentile, semplice, non giudico ma sono comprensiva, affabile e sempre pronta a dare una mano. E lo stesso vale per le altre ragazze su quella lista che avete denigrato. Solo perché non siamo perfette al di fuori non significa che siamo brutte. Se questa è la vostra idea di bruttezza mi dispiace per voi. Davvero, fatevi una vita”. Continua dicendo “Penso che queste persone debbano crescere e che chiaramente non stiano bene con se stesse. Dovrebbero cercare di trovare un po’ di felicità e, se hanno bisogno di una mano, voglio che sappiano che possono sempre rivolgersi a me”.Il suo post ha spiazzato tutti i bulli e ha avuto così tanto successo da essere stato condiviso oltre 4.000 volte in un solo giorno, sono arrivati centinaia di commenti da tantissime ragazze e ragazzi vittime del bullismo che hanno confessato di aver trovato nelle sue parole un enorme aiuto per lottare contro situazioni simili.
Lynelle, è diventata un eroina , e ha seriamente intenzione di dare una mano tutte le vittime di bullismo, aiutandole a capire che non bisogna essere succubi e diventare vittime ma bisogna reagire , con determinatezza , senza lasciarsi mai intimorire dal branco.