Home Territorio Avellino,Un cantiere aperto,LA VARIANTE BONATTI

Avellino,Un cantiere aperto,LA VARIANTE BONATTI

Fa piacere comunicare ai lettori che il cantiere per il rifacimento della strada Bonatti e’ operativo e verra’ terminato, se tutto va per il verso giusto, per la fine dell’estate. L’arteria, nata per collegare la zona industriale con il centro citta’, e’ di particolare importanza in quanto costituisce la principale via d’accesso alla citta’ ospedaliera, operante gia’ da un lustro. I lavori ripresi  a settembre dello scorso anno non sono visibili alla cittadinanza poiche’ hanno avuto inizio dalla parte inferiore fino alla rotonda di accesso al Cimitero, ma la ditta appaltante sta applicando i migliori criteri costruttivi con l’adozione di asfalto drenante ed antiscivolo ed il raddoppio delle barriere guard-rail. Ricordiamo che il tratto stradale in oggetto e’ stato negli anni scorsi teatro di numerosi incidenti, purtroppo anche mortali. Il percorso ha una discreta pendenza che abbinata alla peculiarita’del tratto a scorrimento veloce favorivano il verificarsi di eventi sinistrosi. Un plauso all’ex assessore Barra per essersi attivata a favore della ripresa dei lavori, e si confida sull’entusiasmo dell’attuale responsabile dei Lavori Pubblici  Costantino Preziosi per portarli a termine.

Quando si passera’ al tratto superiore, che va dalla riattazione del tunnel passando per gli ingressi alla Citta’ Ospedaliera, questa ne beneficera’ in quanto e’ stato concordato un nuovo percorso per il Pronto Soccorso. Attualmente si utilizza una stradina stretta e tortuosa per cui capita agli utenti, ma anche alle ambulanze, di dover fare avventurosi slalom per raggiungere la meta. Con il nuovo progetto, in fase di realizzazione, sara’ localizzato un nuovo ingresso al Pronto Soccorso all’uscita del tunnel. Tale svincolo sara’ dotato di impianti semaforici che consentiranno l’ingresso veloce e sicuro delle ambulanze dotate a sua volta di telecomandi per accedervi con precedenza assoluta. Per gli utenti ordinari vi saranno dei sensori posizionati sull’asfalto, a distanza di venti metri l’uno dall’altro, che registreranno i passaggi dei veicoli che accedono al Pronto Soccorso. Anche l’ingresso ordinario al Nosocomio non sara’ piu’ un tragitto a ostacoli ma sara’ dotato di rampe d’accesso sicure e disciplinate che condurranno al parcheggio multipiano corredato di servizi, che, in base alle promesse del manager Rosato, sara’ utilizzabile anch’esso dopo l’estate.

 

 

 

La Cittadinanza, visto lo stato di avanzamento dei lavori, sara’ ben lieta per la fine del 2015, meglio tardi che mai, di usufruire di un decoroso e sicuro accesso alla Citta’ Ospedaliera e di poter percorrere la variante di collegamento tra il centro citta’, la zona industriale e l’interland provinciale ad est del Capoluogo.

A proposito del costruendo parcheggio dell’Ospedale, a nostro avviso, non andrebbe imposto il pagamento per motivi di mutualita’ sociale oltre che di praticita’: ricordiamo che l’ospedale un e’  teatro, non ci si va a divertire! E’ un luogo frequentato da numerosi utenti, siano essi pazienti, degenti o anche familiari degli stessi, per cui, se e’ proprio necessario, si deliberi un ticket minimo o almeno forfettario, per motivi di solidarieta’ e per non intralciare il movimento dei suddetti. Se poi si vuol continuare a dare priorita’ alle strutture belle,altisonanti ma leziose, allora “welfare” sara’ solo un vocabolo inglese che serve ad arricchire il lessico…

 

a cura di Dario Alvino