Avellino, Taccone: “Salvezza e rinforzi a Gennaio. Toscano è in confusione”

Dopo un lungo silenzio, parla finalmente il Presidente Walter Taccone. Lo fa intervenendo telefonicamente a Linea Verde Sport, analizzando diversi argomenti riguardanti il mondo Avellino Calcio. “Come sempre non posso fare altro che metterci la faccia, soprattutto in un momento poco felice, ma è il minimo che posso fare per i miei tifosi”.

Mister Toscano è in bilico? “Ma questo non lo devo dire, appare evidente che lo sia, come succede un pò dappertutto con gli allenatori nel calcio di oggi. È un uomo come tutti noi, può sbagliare, come tutti noi. A volte lo vedo in confusione, è vero, ma non lo crocifiggo, ha la nostra fiducia e voglio che lavori serenamente. È il nostro allenatore, lo si deve fischiare dopo la brutta partita, dopo la scelta sbagliata ma dobbiamo remare dalla parte dell’Avellino, sostenendo anche mister Toscano che sì, oggettivamente non sta facendo bene, ma deve essere così, a meno che la situazione non diventi chiaramente insostenibile. Mettetevi nei suoi panni, non lo si aiuta se appena entra in campo si sente urlare contro le peggiori offese e vede l’accanimento di un ambiente che è diventato eccessivamente ostile nei suoi confronti.”

Novellino in caso di sconfitta contro il Pisa di Gattuso? “Ma io non so nemmeno dove spuntano fuori queste cose, forse dai social dove ci sono troppi allenatori e dirigenti, non l’ho mai visto e non ho mai parlato con lui.” De Canio? “Con lui abbiamo preso soltanto un caffè, non voglio più parlare di questo.” Il modulo che più mi convince? “Non sono un tecnico e non faccio l’allenatore, credo personalmente che il modulo che meglio ci disponga in campo sia proprio questo utilizzato finora e a Carpi, mi riferisco al classico 4-4-2.”

Appello ai tifosi? “Dico che devono fare i tifosi, io li rispetto e li ho sempre rispettati. Ci stanno i fischi, ci stanno le critiche costruttive, ma criticassero solo la nostra incompetenza calcistica. Altre cose, francamente, mi danno molto fastidio. Spassionatamente dico loro di capire questo momento delicato e di starci vicino, non serve a nulla essere ostili con l’allenatore ed i giocatori, questo clima in generale non aiuta e così non andiamo davvero da nessuna parte. L’Avellino si salverà ad occhi chiusi, certamente, è una mia promessa.
Questo era il nostro obiettivo sin dall’inizio del campionato, salvarci senza patemi, ad oggi siamo ad un solo punto dalla salvezza certa, stiamo però soffrendo troppo e mi rimprovero infatti di questo. Tutti insieme sono convinto che è possibile invertire questa rotta, per il bene dell’Avellino.”

Che fine ha fatto Molina? “Abbiamo incontrato i medici di Villa Stuart e devo purtroppo darvi la brutta notizia circa le sue condizioni fisiche che gli impediranno di scendere in campo per tutta la stagione, a differenza di quanto ci diceva l’Atalanta che, invece, prevedeva un suo recupero per metà ottobre. Sicuramente lo rispediremo al mittente, è un peccato perché ci puntavamo tanto ed ora come ora poteva tornarci utile. In questo momento è inabile al calcio.”

Rinforzi a gennaio? “Ora non mi sembra corretto dirlo, per il rispetto che ho verso i nostri ragazzi, ma dico ancora una volta ai tifosi di stare tranquilli, è nelle nostre possibilità e, soprattutto, nella nostra volontà migliorare e perfezionare questa rosa. Prometto anche questo.”