Nasce l’Assistente civico volontario: iniziativa subito derisa sui social

Dopo l’annuncio di Boccia nessuno esprime entusiasmo per l’iniziativa

“Assistente civico”, figura annunciata e subito derisa sui social

Arriva l’assistente civico. Questo è quanto annuncia al TG1 il Ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia. Il progetto, portato avanti da Protezione Civile e Anci, prevede l’impiego di circa 60.000 volontari a disposizione dei sindaci e durerà fino alla fine dell’emergenza sanitaria, al momento stabilita per il 31 luglio.

Lo scopo della loro presenza sarà potenziare la rete di chi collabora sul territorio al rispetto delle norme sul distanziamento sociale e dare un sostegno alla parte più debole della popolazione, quali anziani e bambini. Ad esempio, potranno trovarsi nei parchi o nelle spiagge libere affinché tutti i frequentatori mantengano le distanze prescritte. Gli stessi contribuiranno ad evitare gli assembramenti nei luoghi potenzialmente esposti a tale “rischio”, su indicazione dei comuni ed enti locali con cui collaboreranno.

Al bando per la figura di Assistente civico, che la Protezione Civile pubblicherà entro questa settimana, potranno aderire tutti i cittadini che desiderano svolgere attività di volontariato, con precedenza per inoccupati, per chi non ha vincoli lavorativi, anche percettori del reddito di cittadinanza o usufruisce di ammortizzatori sociali; saranno individuati su base volontaria, coordinati come sempre nell’emergenza dalla Protezione civile, che indicherà alle Regioni le disponibilità su tutto il territorio nazionale. Ci si potrà candidare soltanto per il comune di dimora abituale, che dovrà indicare il numero di unità richieste alla Protezione Civile.

Il Ministro Boccia propone l’Assistenze Civico: un aiuto solidale e volontario durante il Covid-19

Una volta selezionati, i volontari verranno eventualmente formati dagli stessi Comuni presso cui presteranno servizio. La loro attività sarà svolta interamente a titolo gratuito, al massimo per tre giorni alla settimana per non oltre 16 ore settimanali. Gli assistenti, però, saranno coperti sia da polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi che da assicurazione Inail. Queste figure saranno riconoscibili con una pettorina blu con dietro la scritta “assistente civico” e davanti con il logo della Protezione Civile, dell’Anci e del Comune in cui svolgeranno l’attività volontaria.

Assistenze Civico, sui social montano le proteste.

Neanche il tempo di esprimere questa novità che sui social si sono scatenati i commenti. Le reazioni esprimono le percezioni più disparate. Infatti, alcuni si soffermano su come la concentrazione debba basarsi piuttosto sulle famigerate tre T – testare, tracciare, trattare – per tenere la pandemia sotto controllo. Altri utenti, invece, si soffermano sul rischio di situazioni rischiose per i volontari, che potrebbero essere picchiati dopo che qualcuno risponda in malo modo agli inviti formulati dagli assistenti.

Se i social sono impazziti in negativo, la politica non è stata da meno. Infatti, tra ieri sera e la giornata di oggi, a pronunciarsi duramente sono sia esponenti di opposizione che di maggioranza. Di conseguenza, il giudizio è sostanzialmente negativo quasi all’unanimità da parte della cittadinanza italiana, mettendo d’accordo praticamente tutti.

L’escalation di critiche è culminata nelle ultime ore con una notizia clamorosa. Qualche ora fa, il Ministero dell’Interno ha diramato una nota molto dura contro l’iniziativa. “Le decisioni assunte, senza preventiva consultazione del ministero dell’Interno, per l’istituzione della figura degli ‘assistenti civici’ in relazione alle misure di contrasto e di contenimento della pandemia Covid-19, non dovranno comportare compiti aggiuntivi per le prefetture e per le forze di polizia già quotidianamente impegnate nei controlli sul territorio”. Tuttavia, le forze dell’ordine potranno essere contattate dagli assistenti in caso di resistenza ai “gentili inviti” a osservare le misure anti-contagio, come ha dichiarato lo stesso ministro Boccia. Dato che questo accordo praticamente non accontenta nessuno, non è da escludere un suo ritiro nelle prossime ore.