Home Salute Asma, una nuova ricerca scopre un farmaco alternativo alla cura

Asma, una nuova ricerca scopre un farmaco alternativo alla cura

Arriva una importante novità per i malati di asma, grazie al quale presto presto possono respirare più facilmente, è quanto scoperto da un gruppo di scienziati di Melbourne un passo avanti nella ricerca di una cura efficace.

 La ricerca è stata condotta da due team, da quello australiano  con un team medico in Francia, per cercare di capire perché tante altre donne sono vittime di asma rispetto agli uomini. Di asma grave soffrono in Italia circa 10 mila persone, il 5-10 per cento  dei pazienti asmatici. Molti sono giovani: uomini e donne, ancora attivi nel mondo del lavoro e nella vita sociale. Nel 2015, circa 267 donne sono morte di asma rispetto a 143 uomini. Dagli studi è emerso, che le donne sono due volte più a rischio di soffrire di asma rispetto agli uomini a causa dei loro bassi livelli di testosterone maschile ormonale. L’ormone, che si produce durante la pubertà li aiuta a proteggerli per la vita dalla condizione di asma. Ora, armati di queste nuove informazioni, gli scienziati stanno lavorando per sviluppare un testosterone sintetico che aiuterà a proteggere le donne contro la malattia respiratoria.

“Ecco quando l’aumento del testosterone si verifica nei bambini e che arresta l’asma che si verifica, mentre l’estrogeno non ha lo stesso effetto nelle ragazze”, ha dichiarato il professor Gabrielle Belz dell’Istituto Walter e Eliza. “Il nostro obiettivo è sviluppare terapie mirate che avrebbero un impatto sulla comunità”, ha detto. Attualmente, la maggior parte delle persone con asma viene trattata con steroidi, spesso somministrati attraverso un inalatore o in forma di compresse. Tuttavia, studi passati hanno sollevato preoccupazioni circa l’uso di steroidi con alcuni pazienti che riportano vertigini e palpazioni cardiache. Sono state sollevate preoccupazioni anche sugli effetti degli steroidi sui bambini, mentre le loro ossa stanno ancora aumentando la densità di guadagno. Si spera che questa nuova avventura possa portare ad un trattamento alternativo sicuro senza effetti collaterali.