Home Salute Allergie, a breve in Italia il vaccino anti acaro della polvere, gratis:...

Allergie, a breve in Italia il vaccino anti acaro della polvere, gratis: alcuni utili rimedi

E’ tra le patologie “minori” più fastidiose in assoluto, si presenta con maggiore frequenza nei mesi primaverili, parliamo dell’allergia. Un problema che soprattutto nei mesi caldi attanaglia milioni di persone, tra polline, fiori, polveri e soprattutto acari, ecco che inizia la gara degli starnuti. Allergia portati via dunque, fastidiosa come poche, quando i continui starnuti si impadroniscono del nostro corpo diventa una sensazione frustrante.

Per gli sfortunati allergici esiste qualcosa di più fastidioso dell’acaro della polvere? Certo che si! Milioni di acari della polvere! Purtroppo ne siamo invasi, piccoli,invasivi, stanno li, tutti belli nascosti tra lenzuola, armadi,mensole, a nutrirsi della polvere e farci dannare. Sicuramente è tra gli animaletti più particolari della terra, e assieme al polline primaverile rappresenta una delle maggiori cause di allergie per milioni di persone nel mondo e soprattutto in Italia. Sono quasi invisibili ma in molti casi, procurano danni decisamente fuori misura, fortunatamente a breve anche in Italia arriverà un farmaco-vaccino utile a combatterlo.

Sarà disponibile tra alcuni mesi anche in Italia il primo vaccino-farmaco contro l’allergia agli acari della polvere, quindi sarà sottoposto allo stesso iter autorizzativo di un farmaco, a differenza degli altri attualmente in commercio. Il vaccino è in via di registrazione da parte dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e potrebbe essere inserito in fascia A, gratuito dunque per i cittadini. Il vaccino sarebbe già  in via di registrazione da parte dell’Aifa, si attende solo il via libero definitivo, successivamente superate le dovute procedure sarà disponibile in Italia entro la fine dell’anno. Dovrebbe essere catalogato come farmaco di fascia A (quindi, gratuito) e si presenta sotto forma di compresse. Il periodo di somministrazione va dai tre ai cinque anni ma gli effetti benefici si mostrano dopo poche settimane. La notizia arriva dal XXIX Congresso della Siaaic (Societa’ italiana di allergologia, asma e immunologia clinica), in corso a Napoli.Secondo i primi dati, l’utilizzo del vaccino riduce del 34 per cento il verificarsi di crisi respiratorie e del 40-60 per cento il ricorso a cortisonici. Le evidenze dello studio del vaccino saranno pubblicate il prossimo 26 aprile sulla prestigiosa rivista internazionale “Jama”.


Che cos’è l’allergia agli acari della polvere

Quella agli acari della polvere è un’allergia respiratoria molto comune. I responsabili sono piccoli artropodi presenti in abbondanza negli ambienti domestici.

– La loro lunghezza varia dai 200 a 400 μm (1/1000 mm)
– Si nascondono in materassi, coperte, tende, cuscini, peluche, librerie, tappeti, divani, quadri, ecc.
– Il loro habitat ideale è una temperatura media intorno a 25° C e umidità relativa circa 75%
– Le specie più diffuse sono la Dermatophagoides pteronyssinus e la Dermatophagoides Farinae.

I Sintomi

Le vie respiratorie sono il bersaglio preferito dell’allergia agli acari. L’acaro della polvere è un allergene presente durante tutto l’anno, quindi i sintomi si possono manifestare in ogni momento anche se sono più insidiosi durante la stagione fredda e in primavera. Provoca irritazione agli occhi e lacrimazione; rinite (ostruzione e secrezione nasale, starnuti, prurito al naso); in alcuni soggetti asma (respiro corto e affannoso, respiro sibilante, tosse secca)

PUBBLICITÀ

Cure

Il primo provvedimento da prendere per contrastare l’allergia agli acari è ridurre l’esposizione a questi minuscoli organismi adottando alcuni accorgimenti (si vedano le schede sotto sui “consigli”).
Poiché è impossibile eliminare del tutto gli acari dal proprio ambiente, si può rendere necessario un trattamento farmacologico per controllare i sintomi:

I farmaci più utilizzati sono gli antistaminici. In generale sono da preferire i principi attivi di seconda generazione perché presentano un maggior profilo di sicurezza. Per contrastare l’ostruzione nasale si possono usare i corticosteroidi in forma di spray nasali. Nei soggetti asmatici, oltre ai farmaci sopra citati, possono essere utilizzati anche gli antileucotrienici.

Consigli fai da te

biancheria
Se si è allergici agli acari della polvere o si hanno buone probabilità di diventarvi, come nel caso dei bambini figli di individui allergici, può essere utile prendere alcune precauzioni per allontanare questi piccoli artropodi. Impedire il più possibile il contatto tra l’individuo allergico e l’acaro mediante idonei dispositivi anti-acaro, in particolare copricuscini e coprimaterassi, visto che questo “ragnetto” ha l’abitudine di frequentare i materassi dove esiste la maggiore quantità di forfora di cui si nutre.Esporre spesso materassi, coperte e copriletto alla luce del sole. In questo modo si favorisce la morte degli acari.
La biancheria dei letti deve essere cambiata una volta alla settimana e lavata ad almeno 60 gradi (a temperature più basse gli acari non muoiono)

stanze
Arieggiare a lungo la casa durante il giorno, anche in inverno.
Cercare di mantenere una temperatura interna di circa 20° C e un grado di umidità relativa inferiore al 50%. Non è consigliabile l’uso di umidificatori: la crescita degli acari è, infatti, in relazione al grado di umidità presente negli ambienti.

PUBBLICITÀ

Pulizie

Eseguire le pulizie del pavimento, dei mobili, dei tavoli con un panno elettrostatico (sei volte più efficace per allontanare gli acari rispetto alla scopa o al classico straccio per spolverare).
Se si utilizza l’aspirapolvere per le pulizie casalinghe preferire gli apparecchi ad acqua o quelli dotati di microfiltri particolari, noti come filtri HEPA, in grado di trattenere anche le particelle più piccole che sono quelle più importanti per chi soffre di allergia.Ridurre di numero i giochi di pezza o di peluche presenti nelle stanze dei bambini. In generale, è meglio preferire giochi di plastica o legno. La moquette, i tappeti, la stoffa da parati e i tendaggi pesanti andrebbero eliminati.