Home Scienza e Tech WhatsApp, arriva il virus via email, ecco come difendersi

WhatsApp, arriva il virus via email, ecco come difendersi

Virus via email – Da qualche settimana molti utenti stanno lamentando fastidiose anomalie sui propri dispositivi, la causa sembrerebbe derivare da una finta email arrivata nelle proprie caselle di posta a nome di Whatsapp, si tratta in realtà dell’ennesima truffa informatica atta a incasinarvi il dispositivo e probabilmente rubare dati sensibili presenti sullo stesso.

La truffa è architettata in modo piuttosto semplice, nella vostra casella email ricevete un messaggio con un mittente anomalo simile a questo fucate@justfax.net, già questa email dovrebbe allarmarvi, ma sappiamo benissimo che pochi leggono i mittenti, il contenuto della mail invita gli utenti a cliccare un pulsante che successivamente vi rimanda all’ascolto di un presunto messaggio vocale (in segreteria ) ricevuto dal famoso social Whatsapp, e qui dovrebbe scattare il secondo campanello d’allarme, bhe è noto come il noto social messaggistico non ha un servizio di segreteria telefonica, ora lo sapetee!. Cosa accade se clicco il pulsante? chiaramente non ascolterete nessun messaggio, sarete rindirizzati ad una pagina web esterna che contiene malware, e senza neppure accorgervene il vostro dispositivo sarà infettato. I rischi che si corrono possono essere tanti, ma spesso nulli, dipende sempre da chi crea questi fastidiosi applicativi, alcuni lo fanno semplicemente per spaventare gli utenti e dunque divertirsi, altri per ritorni economici magari vendendo alcuni dei vostri dati ad aziende esterne(ecco uno dei motivi per il quale pur non rivelando a nessuno le vostre email o numeri di cellulare vi ritrovate infestati da spam.) Nel caso particolare dovrebbe trattarsi di una truffa di divulgazione dati, identificato per la prima volta nel settembre del 2014, ora sembra tornato alla carica e non solo da noi: la falsa comunicazione della piattaforma di chat più usata al mondo è stata avvistata anche all’estero, soprattutto in Germania.

Difendersi è piuttosto semplice,iniziate a leggere prima di cliccare a caso su qualsiasi link, se un messaggio vi risulta sospetto, copiatene il contenuto su google, troverete sicuramente informazioni utili. Nel caso specifico delle email, accade soprattutto nel phishing, leggete bene il contenuto , spesso chi truffa traduce con google translate e sono evidentissimi gli errori/orrori ortografici, controllate il mittente, molti sono creati ad hoc ed hanno nomi privi di significato , un accozzaglia di vocali e consonanti senza logica (lla12xk@, fucate@ iliej7@ , alcuni esempi), in ogni caso il buon google è sempre pronto ad aiutarvi, copiate la mail sospetta nel motore di ricerca e scoprirete informazioni utili.

 

Ricordiamo infine che WhatsApp, come lo stesso Facebook o Twitter non  utilizzano nessun servizio di segreteria telefonica, e non contattano gli utenti via mail senza un profilo mail ufficiale.