L’Avellino espugna di misura Viterbo al 96esimo. D’Angelo gela la Viterbese

Viterbese Avellino Lega Pro, esordio stagionale con il botto per gli uomini di Braglia. Vittoria al 96esimo in una partita equilibrata fin dai primi minuti.

L'Avellino espugna di misura Viterbo al 96esimo. D'Angelo gela la Viterbese

Lega Pro, Viterbese Avellino – Nell’esordio stagionale, almeno su carta, considerato il rinvio della prima gara di campionato contro la Turris, causa condizioni metereologiche avverse, i lupi vincono 1-0 sul difficile campo della Viterbese. Una vittoria certamente non per i deboli di cuore, sul filo del rasoio, raggiunta ben oltre il novantesimo di una gara per lunghi tratti equilibrata, grazie al guizzo vincente di Santo D’Angelo al 96esimo.

Finisce dunque 0-1 per l’Avellino di mister Piero Braglia la gara d’esordio contro la Viterbese di mister Maurizi. Tre punti in trasferta che, seppur ad inizio campionato, possono sicuramente fornire la giusta iniezione di fiducia in vista delle prossime gare. Il primo tempo tra Viterbese Avellino non passerà certamente alla storia come uno dei più belli. Poche sono state le emozioni nei primi 45 minuti di gioco, squadre fin troppo contratte, più orientate al possesso palla che alla creazione di un gioco finalizzato alla vittoria finale. Per la prima vera occasione bisogna attendere al 30esimo, quando l’Avellino ci prova con Riccardo Maniero,  bella conclusione dalla distanza, ottimo l’intervento dell’estremo difensore Daga, che sventa per un soffio il pericolo per i padroni di casa. I successivi quindici minuti trascorrono piuttosto velocemente, si va a riposo sullo zero a zero.

Il secondo tempo si presenta decisamente più frizzante, entrambe le squadre lasciato negli spogliatoi la fase di studio iniziano a giocare un calcio più propositivo. La Viterbese alza il baricentro e prova a fare la partita, senza tuttavia mai impensierire pericolosamente l’estremo difensore Irpino. Almeno fino al 10imo della ripresa, quando Urso ci prova con una bella conclusione dalla distanza, la palla sorvola di poco la traversa. Mister Braglia prova a scuotere dalla panchina i propri calciatori che, colto il messaggio iniziano ad attaccare l’aria avversaria con più mordente. Ma sono ancora i padroni di casa a sfiorare il vantaggio, quando, al 22esimo del secondo tempo, Rossi, dopo una serpentina tra tre avversari a limite dell’aria lascia partire un feroce destro che si spegne di poco al lato. Al 33esimo si rivedono gli Avellinesi in area avversaria, Miceli si fa trovare in area di rigore, tutto solo non riesce a cogliere l’opportunità e calcia debolmente tra le braccia del portiere. Al 42′, Matteo Menghi, da poco entrato in campo, riesce nella non facile impresa di farsi ammonire due volte nel giro di 3 minuti. Espulso!. Mister Maurizi vuole difendere il prezioso (e meritato punto), ma i padroni di casa commettono il grossolano errore di chiudersi nella propria area difensiva. L’Avellino annusa l’odore del colpaccio e prova a spingere su ogni pallone. I padroni di casa si difendono come possono e quasi riescono a portare a casa il preziosissimo bottino, ma i lupi si dimostrano squadra tenacia e al 96esimo minuto arriva l’inaspettato vantaggio: calcio di punizione dalla sinistra di Fabio Tito, dalle retrovie spunta come un grillo Santo D’Angelo, bravo nell’anticipare tutta la difesa della Viterbese e di testa segna il gol della vittoria. Finisce così dunque, con uno 0-1 in pieno stile zona cesarini, con la gioia incontenibile della compagine irpina e la cocente tristezza sul volto dei calciatori della Viterbese. Ottimo esordio stagionale per i lupi di mister Braglia. La squadra del presidente D’Agostino si è dimostrata equilibrata in ogni reparto, ha concesso poco agli avversari in fase difensiva ed è sembra anche piuttosto valida la fase offensiva. Staremo a vedere nel corso delle prossime gare. Si ritorna in campo l’11 di ottobre ancora una volta fuori casa, questa volta in Sicilia contro il temibile Palermo (imprevisti covid permettendo).

FORMAZIONI VITERBESE AVELLINO

VITERBESE (3-5-2)

Daga; Bianchi, Mbende, Bensaja; Baschirotto, Simonelli (17’ st Falbo), Bezziccheri, Menghi, Salandria; Urso (28’ st Sibilia), Rossi (35’ st Menghi). A disp: Maraolo, Benvenuti, Calì, Ricci, Galardi, Zanon, Macrì. Allenatore: Agenore Maurizi.

AVELLINO (3-4-3)

Forte; L. Silvestri, Miceli, Rocchi; Ciancio (40’ st Rizzo), De Francesco (40’ st Bruzzo), D’Angelo, Burgio (21’ st Tito); Santaniello, Maniero (40’ st Adamo), Bernardotto (3’ st M. Silvestri). A disp: Pane, Pizzella, Dossena, Mariconda, Nikolic. Allenatore: Piero Braglia.

MARCATORI: 50’ st D’Angelo

AMMONITI: 15’ pt Burgio, 32’ pt Bensaja, 8’ st Rossi, 35’ st M. Silvestri, 38’ st Menghi, 40’ st Ciancio, 46’ st Falbo, 50’ st D’Angelo.

ESPULSI: 41’ st Menghi.

TESTA A TESTA VITERBESE AVELLINO

Tra Viterbese e Avellino i precedenti sono 9, tutti disputati in Lega Pro, gli Irpini hanno avuto la meglio 6 volte, tre invece i pareggi e zero vittorie dei Laziali. L’ultimo incontro tra Viterbese e Avellino si è disputato il 1 dicembre 2019, vinto dalla squadra allenata da Eziolino Capuano per 0-1. Il gol decisivo fu realizzato nelle fasi iniziali, da Micovschi. .