Home Sociale STRANIERI – ritorno volontario assistito : fondo di 2000 euro

    STRANIERI – ritorno volontario assistito : fondo di 2000 euro

    Parte il progetto per gli stranieri : “INTEGRAZIONE DI RITORNO II” del Consiglio Italiano per i Rifugiati. Partenze entro il 31 marzo destinatari sono gli immigrati anche presenti irregolarmente in Italia dell’ Ecuador, Perù, Colombia, Ghana e Algeria, saranno erogati fino a 2000 euro per il rientro in patria.
    Il capoluogo romano mette a disposizione un piccolo fondo fino a 2.000 euro – per la reintegrazione socio-economica da spendere nel Paese d’origine che potrà coprire: l’acquisto di beni di prima necessità, spese relative alla casa (dal pagamento di alcuni mesi d’affitto, a piccoli lavori di ristrutturazione), l’acquisto di materiali e servizi per l’avvio di una attività economica o spese per cure mediche.
    Gli operatori del progetto avranno il compito di organizzare il viaggio compreso l’acquisto dei biglietti aerei e assisteli nella realizzazione del progetto d’integrazione una volta che l’assistito rientra nel Paese d’origine.

    Sulla pagina di progetto del CIR è disponibile materiale informativo plurilingue (Italiano, Inglese, Francese e Spagnolo). Visita anche la pagina facebook dedicata al progetto.
    Per maggiori informazioni, contatta il CIR:

    adv

    ROMA: Anna Galosi galosi@cir-onlus.org 06 69 200114
    MILANO: Tania De Franchi milano@cir-onlus.org 335 1649072

    Destinatari del progetto sono cittadini stranieri provenienti da Ecuador, Perù, Colombia, Ghana e Algeria, anche presenti irregolarmente in Italia, che vivono in situazioni di difficoltà economica e sociale e desiderano tornare volontariamente nel loro Paese d’origine.

    Il progetto ha a disposizione ancora alcuni posti, la data ultima per le partenze effettive è il 31 marzo 2015.

    adv

    Il progetto Integrazione di Ritorno II (AP 2013 Az. 3), è realizzato dal Consiglio Italiano per i Rifugiati – Onlus (CIR) in partenariato con Oxfam Italia e il CISP – Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli e cofinanziato dal Fondo Europeo per i Rimpatri.