Rugby Sei Nazioni, Italia prima vittoria: battuta in volata in Scozia

rugby sei nazioni

L’Italia allontana il cucchiaio di legno. In Scozia Arriva il primo successo azzurro. Quando tutto lasciava presagire la terza sconfitta in tre partite per l’Italia, è arrivata la meta tecnica allo scadere che vale il primo successo azzurro in questo Sei Nazioni. A Murrayfield finisce 22 a 19 per l’Italia, con gli azzurri sempre vicini alla meta tecnica negli ultimi 10 minuti, arrivata poi all’ultimo respiro. E pensare che al 53’ l’Italia aveva avuto la possibilità di passare in vantaggio con Allan, che però non ha centrato i pali. Alla fine, il cuore, il coraggio e la voglia di non mollare mai, hanno premiato i nostri. Il trionfo azzurro porta le firme di Furno e Venditti, entrambi a meta, Haimona e Allan.

Partenza subito difficile – Il trionfo, ottenuto con gioco e carattere, premia una squadra capace di rialzare la testa dopo un avvio da incubo. Laidlaw sfrutta il primo piazzato al 2′ (3-0) e Haimona combina un disastro al 7′: Bennett intercetta, meta e 8-0 per i padroni di casa. L’Italia ha il merito di rimanere in partita e di raddrizzare subito la situazione: la maul avanza e porta Furno a schiacciare l’ovale per l’8-5 al 10′. Laidlaw sfrutta altre 2 chance dalla piazzola (15′ e  27′), Haimona fa centro (17′) prima del rocambolesco finale di  frazione. Il numero 10 azzurro colpisce il palo al 37′, Venditti è il più rapido a piombare sul pallone: meta, trasformazione e 16-15 al riposo.

Forza azzurra
 – L’Italia perde Haimona all’inizio della ripresa e inserisce Allan, che al 53′ potrebbe firmare il sorpasso: penalty non impossibile ma mira sbagliata e la Scozia rimane avanti. Gli errori rischiano di costare carissimi in un match equilibrato, che i padroni di casa riprendono in mano attorno al 60′. Gli highlanders riprendono a caricare a testa bassa e mettono a dura prova la difesa tricolore, che al 65′ concedono a Laidlaw il piazzato del 19-15. Gli azzurri hanno bisogno di una meta per mettere la freccia nell’ultima porzione di partita. La mischia italiana spinge, l’arbitro Clancy non ravvisa gli estremi per la meta tecnica e consente alla difesa scozzese di  respirare con un penalty che interrompe il forcing degli ospiti. Parisse & co. hanno un’ultima possibilità e non sbagliano contro gli avversari ridotti in inferiorità numerica. L’Italia sfonda allo scadere, c’è solo il tempo per trasformare la terza pesantissima meta: 22-19.