Scissione PD, nascono nuovi gruppi parlamentari. Ecco i nomi.

bersani_renzi

La scissione nel Partito Democratico e’ cosa ormai fatta. Dopo il passo indietro del governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, che proprio sulla questione di una sua eventuale fuoriuscita dal Partito Democratico ha dato una netta risposta con la sua candidatura alla segreteria nel congresso che dovrebbe tenersi ad inizio estate, la ex minoranza dem, contrariata dalla scelta del Presidente pugliese, sta facendo sul serio.

D’Alema, Speranza, Rossi e Bersani si sarebbero incontrati, qui il condizionale sembra d’obbligo, proprio stamattina, per mettere a punto il “Movimento per la costituente della Sinistra”. Un Movimento solo parlamentare per ora, che, a detta di Massimo D’Alema, presto potrebbe divenire un vero e proprio partito. A questo movimento sarebbero legati due nuovi gruppi parlamentari composti da 36 deputati e 12 senatori.

I nomi però non sono ancora noti. Alla Camera, con i capo scissione Pierluigi Bersani ed Emanuele Speranza sono dati per sicuri l’ex segretario Guglielmo Epifani, che proprio nel corso del Consiglio Nazionale di qualche giorno fa aveva usato parole durissime nei confronti del segretario dimissionario Matteo Renzo, Nico Stumpo, già responsabile organizzativo del Pd, e Davide Zoggia, fino a qualche mese fa volto televisivo piddino.

Insieme a loro sarebbero pronti a trasmigrare Roberta Agostini, Danilo Leva, Luisa Bossa, Filippo Fossati, Angelo Capodicasa, Giuseppe Zappulla, Francesco Laforgia, Giorgio Piccolo. Questi i nomi che sarebbero certi. Grande incertezza invece tra Tea Albini, Eleonora Cimbro, Michele Mognato, Delia Murer e Paolo Fontanelli. Idem anche per i lettiani Marco Meloni, Dario Ginefra e Francesco Boccia. Gli ultimi due, però sono pugliesi e dati come molto vicini alle posizioni di Emiliano.

Al Senato vanno dati per sicuri partenti Miguel Gotor, Maurizio Migliavacca, Lucrezia Ricchiuti, Doris Lo Moro, Federico Fornaro, Maria Grazia Gatti, Cecilia Guerra, Paolo Corsini, Nerina Dirindin Carlo Pegorer, Silvio Lai, Claudio Micheloni, Felice Casson, Silvio Lai, Lodovico Sonego. Fra gli incerti vengono elencati Paolo Guerrieri e Luigi Manconi che sembra guardare più a Pisapia. Poi circolano i nomini di Claudio Martini e di Paolo Guerrieri. In un secondo tempo potrebbero aderire Massimo Mucchetti e Walter Tocci che aveva già rotto con il Pd renziano.