Scandone: a Varese arriva la prima vittoria in trasferta 81 a 93

Ci voleva una partita da 93 punti per raggiungere la prima vittoria in trasferta della stagione. La Scandone vince a Masnago (ironia della sorta, teatro dell’ultima vittoria in trasferta fino a stasera) 81-93 e può anche recriminare per lo scarto finale, visto anche il +23 ad inizio ultima frazione.

Una partita dominata in lungo e largo, con Nunnally top scorer (26 punti) di un gruppo che manda altri 4 uomini in doppia cifra, tra cui il “nuovo” arrivato Marques Green.  Oltre agli 11 punti però, il play di Philadelphia ci mette, soprattutto, il resto fatto di leadership (4 assist e solo una persa), gestione offensiva (19 assist per 37 canestri dal campo) e controllo del ritmo (solo 12 perse di squadra, migliore prestazione stagionale). Certo, ci ha messo del suo anche la squadra di Moretti, davvero inguardabile in difesa, ma l’arrivo di Green ha dato stabilità ed equilibrio come lo stesso Sacripanti ha sottolineato a fine partita: “Ci ha dato stabilità, facendoci ritrovare i nostri ruoli naturali e riportando Acker al ruolo di secondo playmaker. Abbiamo ancora bisogno di crescere, soprattutto in difesa, ma stiamo lavorando bene”.

Green, ovviamente, parte subito in quintetto, e segna subito il primo tiro della sua quarta avventura biancoverde. Avellino è reattiva, arriva sempre prima sulle palle vaganti e ha un Cervi ringalluzzito dalla presenza del nuovo compagno. Il centro ex Reggio Emilia chiude la frazione con 8 punti (e 3 schiacciate) cui aggiunge 3 rimbalzi offensivi e insieme a Nunnaly (8 anche per lui) porta i suoi sul 22-31 di fine primo quarto.

Senza Blums (problemi alla spalla, ma si cerca un sostituto), è Acker a fare il vice Green, stavolta senza avere grosse difficoltà, anche grazie ad una Varese davvero molle nella propria metà campo. Inizia a produrre anche Buva (anche per lui 8 nel quarto), e sul 26-41 Moretti è costretto al time out con la Scandone che tira 17/25 dal campo e ha solo 2 perse. La musica però non cambia e, anche con Green in panchina per problemi di falli, si arriva al +16 (39-55), prima che un 7-0 chiuso da una tripla complicatissima di Wayns chiuda il primo tempo sul 46-55 che, ai biancoverdi, va strettissimo.

Anche perché, ad inizio ripresa, le percentuali scendono e le perse salgono. Però Varese questa sera e poca cosa e basta una maggiore reattività per controllare partita e avversari. Quando poi si fa male Ukic, la squadra di Moretti ha davvero poco da opporre ai biancoverdi che, ad inizio quarta frazione, raggiungono anche il +23, chiudendo senza patemi sull’81-93 finale.