Home Spettacoli Sanremo 2020, Tiziano Ferro accanto ad Amadeus

Sanremo 2020, Tiziano Ferro accanto ad Amadeus

Ecco l’indiscrezione bomba rilasciata da Davide Maggio

I preparativi per il prossimo Sanremo 2020 procedono in maniera così spedita che il noto blogger televisivo Davide Maggio ha appena pubblicato un’indiscrezione, che, se veritiera, risulterebbe davvero clamorosa: Amadeus vorrebbe accanto a sé Tiziano Ferro. Il cantautore di Latina, dunque, ben si addice ai criteri di novità, imprevedibilità e sorpresa, tanto decantati da Amadeus – conduttore e direttore artistico – nella recente intervista al quotidiano Il Messaggero.

Infatti, per tale ragione, il nome di Belen Rodrigurez è stato escluso dalla rosa dei papabili per l’Ariston accanto al ravennate – per la cronaca già valletta nel 2011 e nel 2012. Al contrario, tra le presenze confermate sul palco sono inclusi sia Fiorello che Jovanotti, amici storici del conduttore, che faranno una o più incursioni durante le serate. Invece quello che accadrà attorno al festival, ovvero la trasmissione sia delle conferenze stampa giornaliere che del DopoFestival, rinominato L’altro Festival, avverrà soltanto su Raiplay.

Allo stesso tempo, anche la selezione dei cantanti in gara è in corso. Nei giorni scorsi è stata pubblicata la rosa dei 65 aspiranti in lizza per 5 tra gli 8 posti disponibili nella categoria “Nuove Proposte”. Tale sezione – prima novità dell’edizione – tornerà a gareggiare durante le serate di febbraio ma senza la possibilità di poter ottenere l’accesso tra i Campioni, come è successo l’anno scorso con Einar e Mahmood, con quest’ultimo eletto poi vincitore assoluto. Invece altri due concorrenti verranno scelti da “Area Sanremo”, concorso riservato ad artisti senza alcun contratto discografico; infine l’ultimo posto disponibile è per la vincitrice del talent canoro di Raiuno Sanremo Young, come previsto dal premio finale del programma, ossia la quattordicenne Tecla Insolia.

I 65 in gara per i 5 posti tra i Giovani, per arrivare all’Ariston, dovranno sostenere un’audizione dal vivo domenica 3 novembre davanti alla commissione musicale dell’intera manifestazione, che ha come componenti: Amadeus; il vicedirettore di Raiuno Claudio Fasulo; il già direttore artistico del Festival Gianfranco Mazzi; il maestro Leonardo De Amicis e l’autore televisivo Massimo Martelli.
Soltanto in 20 supereranno l’audizione per poi confrontarsi durante le “semifinali”, in programma il 16, il 23, il 30 novembre e il 7 dicembre durante la trasmissione del sabato pomeriggio “Italiasì” su Raiuno, condotta da Marco Liorni. Da tali emissioni verranno fuori i 10 prescelti che gareggeranno nella prima serata ad hoc di giovedì 19 dicembre su Raiuno, quando si conosceranno i 5 nomi in gara a febbraio, insieme ai 3 partecipanti provenienti dagli altri canali citati.

Per quanto riguarda la scelta dei Big, saranno 20 per il momento, ma potrebbero aumentare a 22, ha dichiarato Amadeus nell’intervista al quotidiano. I nomi selezionati, a differenza degli anni scorsi, verranno comunicati decisamente a ridosso della manifestazione, ossia soltanto il 6 gennaio, durante lo speciale del game show “Soliti Ignoti” dedicato alla Lotteria Italia.

Nei giorni scorsi, poi, è stato ufficialmente pubblicato il regolamento su quanto accadrà a febbraio sia alle Nuove Proposte che ai Campioni. Rispetto alla scorsa edizione, numerose novità sono presenti nel regolamento. La più clamorosa riguarda la scomparsa della giuria di qualità, i cui membri sono stati più volte contestati negli ultimi anni per la presunta incompetenza musicale. Altra novità clamorosa è che per la prima volta, l’esito della serata cover, dedicata alle canzoni storiche del Festival – in programma giovedì 6 – andrà ad incidere sulla classifica finale. Ulteriore cambiamento riguarda poi i metodi di giudizio. Infatti, durante le prime due serate, in cui si esibiranno 10 Campioni per ognuna – come accadeva fino al 2017 -, voterà soltanto la giuria demoscopica. Al contrario, la serata cover sarà valutata dagli orchestrali del Festival; a giudicare durante la quarta serata interverrà la sala stampa mentre in finale si aggiungerà il televoto insieme ai due organi giudicanti già presenti nelle puntate precedenti. Tali organismi di voto, poi, saranno attivi anche nell’ultima fase di gara, a cui accederanno soltanto tre partecipanti, tra cui verrà scelto il vincitore con una votazione ex novo.

Per le Nuove Proposte, invece, come nelle edizioni guidate da Carlo Conti, ritornano le sfide 1 vs 1, che però partiranno sin dalla prima serata, quando quattro artisti si esibiranno in due sfide frontali, valutate dalla giuria demoscopica. Il perdente di ogni confronto, poi, dovrà definitivamente abbandonare la gara. Si proseguirà la serata successiva con altre due sfide, valutate sempre dalla giuria demoscopica. Invece, il giovedì, i 4 concorrenti rimasti si affronteranno in due sfide 1 vs 1, valutate con il sistema misto che interverrà per i Big durante la finale. Analogamente avverrà al venerdì, con la sfida tra i 2 pezzi in lizza per il titolo di Vincitore delle Nuove Proposte.