Home Scienza e Tech YouTube contro PewDiePie: cancellato spettacolo con frasi antisemita

    YouTube contro PewDiePie: cancellato spettacolo con frasi antisemita

    La Disney interrompe ogni rapporto pubblicitario. Si accodano altri marchi importanti.

    Tutti contro PewDiePie, non si placano le polemiche contro Felix Arvid Ulf Kjellberg, 28enne svedese star di Youtube. Ma andiamo con ordine, chi è PewDiePie? Bhe difficile che qualcuno non abbia sentito il suo nome, tuttavia vi rinfreschiamo la memoria.

    Si tratta dello Youtuber con più iscritti al mondo, oltre 53 milioni, ma soprattutto dal 29 aprile 2010 (anno nel quale ha aperto il suo canale) ha ricevuto 14.685.511.029, avete letto bene! Quattordici miliardi di visualizzazioni! Insomma, si tratta di un giovane che ha fatto di Youtube la sua gallina dalle uova d’oro, fattura annualmente quasi 10 milioni di dollari!

    adv

    PewDiePie, come tanti youtuber nasce tendenzialmente per portare sul suo canale gameplay di videogiochi, insomma, lui gioca, si registra  e gli utenti da casa lo guardano. Successivamente, visto il rapido successo si è dedicato ad altre tipologie di video, portando vlog, mi-documentari e tante mini-serie piuttosto divertenti. Una rapida ascesa che non è passata inosservata ai grandi marchi commerciali di tutto il mondo, che, nel giro di pochi anni lo hanno ricoperto di dollari con contratti pubblicitari.

    Youtube cancella lo show Scare PewDiePie

    Ma cosa è accaduto? Ed è proprio una delle sue mini-serie che potrebbe segnargli il destino, la webstar infatti si è spinta un tantino oltre il semplice intrattenimento, in più episodi della sua ultima serie “Scare PewDiePie”, il 28enne Svedese ha avuto degli atteggiamenti e soprattutto ha pronunciato delle frasi antisemite. In rete è scoppiato il caos, migliaia di commenti negativi sotto i suoi video, migliaia gli utenti che hanno lasciato il suo canale, ma soprattutto si è alzata la scure di Youtube, che ha deciso di punire severamente lo youtuber. Eliminazione della serie dal canale, miglia di dollari andati in fumo, e rimozione dal canale Google Preferred, piattaforma pubblicitaria che garantisce a canali con elevato traffico centinaia di migliaia di dollari al mese.

    Non sono bastate le scuse di Felix, anche la Disney ha sospeso ogni rapporto di collaborazione pubblicitaria, così come si sono accodate altri marchi importanti. Insomma il web non perdona, come passare dalle stelle alle stalle in poche ore. Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni, quello che è certo è che il più famoso youtuber del mondo si è marchiato da solo!

    adv