Home Salute La bici riduce il rischio di ammalarsi dopo i 50 anni: Pedalare...

La bici riduce il rischio di ammalarsi dopo i 50 anni: Pedalare contro il diabete

Pedalare, pedalare e ancora pedalare! Lo sport aiuta da sempre a vivere bene, bisogna semplicemente praticarlo in modo intelligente e soprattutto non rassegnarsi alla fatica una volta raggiunti i 50 anni di età! La regola è sempre valida, per lo sport nessuno è mai veramente “vecchio”. Lo studio è stato eseguito da ricercatori Danesi e pubblicato sulla rivista scientifica Plos One. Per migliorare la salute generale di tutti, bisogna iniziare a pedalare. Andare in bicicletta, secondo i ricercatori, risulta essere tra le forme più efficaci di sport, lo sforzo meccanico che si produce pedalando agevola il controllo del diabete di tipo 2. L’obbiettivo dei ricercatori era proprio quello di valutare l’associazione tra l’andare in bicicletta ed il rischio di diabete di tipo 2 su alcuni pazienti danesi. Ricordiamo, che la Danimarca assieme all’Olanda sono i paesi occidentali dove andare in bicicletta rappresenta una filosofia di vita, ci sono intere città dove oltre il 90& dei cittadini preferisce la bicicletta alle automobili.

Lo studio Danese è stato decisamente enorme, coinvolti più di 50.000 tra uomini e donne, di età compresa tra i 50 e i 65 anni, quasi tutti in salute. Ad ogni volontario è stato chiesto di compilare un questionario, dove bisognava descrivere le proprie abitudini alimentari, la condizione di salute attuale e soprattutto come, dove e quanto utilizzavano la bicicletta. I risultati sono stati oltremodo sorprendenti, il 96% dei partecipanti che utilizzava quotidianamente la bicicletta per spostarsi non presentava nessun rischio di diabete di tipo 2, non solo, lo stato generale di salute di tutti i partecipanti era nel 90% dei soggetti pienamente convincete.Dunque per i ricercatori lo sport può essere la chiave per combattere e tenere lontano tante malattie, soprattutto allo stato iniziale, bene, ora che lo sapete, prendete la prima bici e andate al parco.

PUBBLICITÀ