MotoGP, Rossi penalizzato per aver spinto fuori Marquez, a Valencia partirà ultimo

La direzione di gara ha comunicato che il pilota della Yamaha è stato penalizzato di tre punti sulla patente, che vanno a sommarsi al -1 che gli è stato inflitto dopo la gara di Misano. La somma lo porta quindi alla retrocessione in griglia di partenza.Nell’ultimo gran premio di Valencia sarà ultimo, addio sogni Mondiale?

Moto GP, questa volta il titolo  del gran premio di Malesia lo vince Dani Pedrosa, che ricordiamo essere al secondo successo in stagione, si posiziona al secondo posto Jorge lorenzo che guadagna quattro punti su Valentino Rossi portandosi dunque a soli 7 punti ad un gran premio dalla fine, terzo il campione Italiano protagonista suo malgrado di un pessimo episodio sportivo, che lo mette a rischio squalifica e per il quale è ufficialmente sotto investigazione. Infatti pare che Rossi a seguito delle solite scaramucce con Marquez abbia rallentato improvvisamente all’uscita di una curva, quasi ad attendere lo Spagnolo. Poi, testa alta di Rossi come a voler dire qualcosa, e calcetto contro la moto di Marquez che viene cosi spinto a bordo pista e quindi in terra. Un Rossi che poteva raggiungere il suo decimo titolo mondiale, rimandato al prossimo gran premio, giudici permettendo, un errore imperdonabile, un gesto non pari alla portata del campione quale è stato nella sua carriera, infatti il duello a due in pista con  Marquez ha reso quasi l’impossibile la strada della vittoria a Valentino che ha lottato fin  dal 4° giro. Attacchi, traiettorie incrociate, repliche su repliche mentre Pedrosa e Lorenzo prendevano il largo. Fino al fattaccio. Dopo le polemiche in conferenza Rossi non poteva aspettarsi in cambio dei confetti da Marquez, che aveva chiaramente il dente avvelenato. Ma l’epilogo è spiacevole. Davvero brutto a vedersi. Anche considerando provocazioni, stilettate, schermaglie e posta in palio. Alla stampa Rossi replica «Sono andato largo per cercare la traiettoria migliore, lui si è avvicinato e c’è stato il contatto. Peccato perché abbiamo perso l’occasione di fare una gara normale tra me e Lorenzo». Tra  i due litiganti ha avuto la meglio Dani Pedrosa che difendeva il vantaggio, girando in 1’59″053, il pilota spagnolo della Honda ha vinto le qualifiche battendo di 0″409 il connazionale e compagno di scuderia Marc Marquez e di 0″673 il leader della classifica, il pesarese della Yamaha Valentino Rossi, che completa così la prima fila.

DUELLO INTENSO— Provocato e chiamato al duello diretto, in pista, Marquez ha reso la vita difficilissima a Valentino con una lotta sul filo del rasoio, dura ma leale, già dal 4° giro. Attacchi, traiettorie incrociate, repliche su repliche mentre Pedrosa e Lorenzo prendevano il largo. Fino al fattaccio. Dopo le polemiche in conferenza Rossi non poteva aspettarsi in cambio dei confetti da Marquez, che aveva chiaramente il dente avvelenato. Ma l’epilogo è orribile. Davvero brutto a vedersi. Anche considerando provocazioni, stilettate, schermaglie e posta in palio. Questa volta l’arte della pressione psicologica, che Rossi esercita mirabilmente, ha sortito un effetto boomerang.

Valentino Rossi

Prime dichiarazioni di Rossi dopo la burrascosa gara di Sepang: “Ho perso molto tempo con Marc e alla curva 14 sono andato largo per prendere una linea migliore, poi io con lui avevo problemi, credo si sia avvicinato lui… È un peccato perche in una gara normale potevamo battagliare con Jorge e ora, invece, il campionato sarà molto più difficile”.