Home Territorio Montoro, domani la XX edizione del premio all’Impegno sociale.

Montoro, domani la XX edizione del premio all’Impegno sociale.

Montoro- Presso il giardino delle parole alla frazione San Bartolomeo di Montoro alle ore 19.00, ritorna la  XX edizione del “Premio all’Impegno Pietro e Domenico De Simone VOGLIA DI COMUNITA”.  EDUCARE E’ SEMINARE VALORI Racconti personali di validi interpreti della bontà del nostro territorio Premio all’impegno sociale :

Orlando Luongo,Astrofisico Eliana Petrizzi,Pittrice Fabrizio Esposito,Ballerino Mario Fiore,Magistrato Agostino Cardamone,Campione del mondo di Boxe Andrea De Simone,Parlamentare XI e XV Legislatura,III Europea

Ricorre quest’anno il ventennale della manifestazione culturale, nata il 24 agosto del 1996, in occasione della consegna alla comunità di San Bartolomeo della struttura adiacente la Chiesa parrocchiale. Per volontà del compianto parroco Don Nicola Grimaldi essa fu destinata a sede della Caritas. Presidente venne eletto Filippo Alvino. Nei 20 anni di attività, in occasione dell’appuntamento e della consegna dei riconoscimenti, a S. Bartolomeo sono intervenute personalità che si sono distinte per il loro impegno al servizio della crescita della comunità, esponenti delle istituzioni come gli Onn.li Pinto, Nicolais, Pecoraro- Scanio, De Mita , Sales, Pascarella, Rastrelli e Bassolino; artisti importanti come Gigi D’Alessio,Edoardo Bennato,Sal Da Vinci;esponenti del volontariato e della società civile organizzata.Una indimenticabile edizione, curata dal regista Gaetano Stella, ha messo in scena e rievocato la rivolta del pane di Montoro, episodio di lotta popolare degli anni ’20. Ad inaugurare la prima edizione la presentatrice tv Melba Ruffo. Alla fine degli anni ’90 fu sollecitato il finanziamento regionale per la realizzazione, nella piccola e laboriosa frazione, del Museo della civiltà contadina che oggi, grazie all’impegno dell’Assessorato alla cultura è sede della biblioteca e centro propulsore di eventi culturali e sociali di notevole spessore, rivolti in particolare a favorire percorsi di autonomia ed auto-imprenditorialità delle giovani generazioni. Il Premio ha svolto, a partire dal 2004, con la collaborazione dell’apposito Comitato, una intensa campagna nazionale per valorizzare la Cipolla Ramata di Montoro. Il prodotto di eccellenza dell’agricoltura montorese ha ottenuto riconoscimenti ed oggi, nuove associazioni e nuove aziende, ne continuano l’azione di recupero, valorizzazione e commercializzazione. Nel 2007 fu proposto, al Ministero delle Finanze, il finanziamento per la costruzione di una struttura sportiva nell’area del campo di bocce. Con un riconoscimento ai giornalisti impegnati sulle tematiche ambientali sono stati sollecitati interventi per il risanamento della solofrana. Dopo circa 15 edizioni, curate dalla Caritas parrocchiale, dal 2010 il Premio è organizzato dall’Associazione di volontariato La Talpa e la Giraffa, presieduta dall’Avv. Raffaele Guariniello.  L’edizione 2016 ha deciso di valorizzare personalità montoresi che hanno raggiunto risultati importanti nel campo della politica, come il Sen. Andrea De Simone, della ricerca come il Dott. Orlando Luongo, dell’arte come l’artista Eliana Petrizzi, dello sport come il pugile agostino Cardamone, della giustizia come il magistrato Dott. Mario Fiore, della danza come il solista del San Carlo Fabrizio Esposito. Questa edizione si inscrive dentro una nuova fase con la quale La Talpa e la Giraffa, riorganizzata ed aggiornata nella propria base sociale, intende aprirsi alla partecipazione ed al coinvolgimento delle giovani generazioni, ridiventando luogo e strumento per sollecitare ed offrire occasioni di protagonismo diretto dei giovani montoresi al servizio della crescita personale e comunitaria del nostro territorio.