Home Economia & Lavoro Isee: pronto il nuovo modello aggiornato DSU

Isee: pronto il nuovo modello aggiornato DSU

L’ISEE, lo strumento maggiormente utilizzato dagli italiani per accedere ai servizi pubblici, ha da tempo subito diverse modifiche. Una delle ultime risale allo scorso 12 aprile 2017  con il Decreto Interministeriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell’Economia e Finanze.

Il decreto ministeriale attua le modifiche in sede di aggiornamento al modello della Dichiarazione Sostitutiva Unica “DSU”, nonché delle relative istruzioni per la compilazione dopo il secondo anno di operatività, ferme restando le modalità di rilascio dell’attestazione.

Il d.m. del 13 aprile 2017 (qui sotto allegato) ha approvato il modello tipo della dichiarazione sostitutiva unica DSU, oltre che delle relative istruzioni per la compilazione. La DSU è la dichiarazione necessaria per calcolare l’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai fini dell’accesso alle prestazioni sociali agevolate (ad es. retta agevolata per l’asilo nido, mensa scolastica, sussidi assistenziali, diritto allo studio universitario, prestazioni socio-sanitarie).

La scheda DSU raccoglie informazioni sul nucleo familiare e su tutti i suoi componenti e a seconda del tipo di prestazioni che il cittadino intende richiedere o delle particolari caratteristiche del nucleo familiare si rende necessaria la dichiarazione di informazioni aggiuntive, non è sufficiente compilare il solo modello MINI, costituito dalla prima parte del Modello Base e dalla prima parte del Foglio componente.

L’attestazione ISEE verrà resa disponibile dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale entro dieci giorni lavorativi successivi alla presentazione della DSU. Resta fermo il modello di attestazione approvato con il Decreto direttoriale del 7 novembre 2014. Si precisa che sui dati autodichiarati verranno effettuati controlli sistematici, possibili anche tra il momento della ricezione della DSU e quello della consegna dell’attestazione ISEE. Le difformità e/o omissioni, eventualmente rilevate dai controlli effettuati prima della consegna dell’attestazione, saranno indicate nell’attestazione stessa. In questo caso sarà  il cittadino a presentare una nuova DSU per giustificare all’ente erogatore, la difformità producendo idonea documentazione, le difformità e/o omissioni rilevate e dimostrare la completezza e veridicità dei dati indicati in dichiarazione

ACQUISTA SU EBAY
Io, lui e nessun altro - Romanzo sulla dipendenza affettiva