Home Economia & Lavoro Industria del latte, il 65 per cento delle fattorie albanesi lavorano in...

Industria del latte, il 65 per cento delle fattorie albanesi lavorano in nero

Agroalimentare – Allarme dal Consiglio per gli investimenti albanese, secondo cui grazie ai dati pubblicati in un dossier dal consiglio, hanno rivelato che il 65 per cento delle fattorie albanesi lavorano in nero. Secondo il consiglio in tutto il paese sono 450 le fattorie dedite alla produzione del latte e dei prodotti caseari, delle quali solo 150 lavorano nel pieno rispetto della legislazione. Lo studio dichiara che oltre al problema dell’evasione fiscale, tale situazione viene considerata critica anche per quanto riguarda il controllo della qualità e della sicurezza dei prodotti. L’intera produzione del latte in Albania ammonta a circa 1,1 tonnellata all’anno. Un dato questo da non sottovalutare che potrebbe mettere a rischio la qualità alimentare del latte, un prodotto che viene esportato all’estero. In Italia si registrano circa 3,5 milioni di litri di latte  importati da altri paesi. Vengono importati latte sterile, ma anche concentrati, cagliate, semilavorati e polveri per essere imbustati o trasformati industrialmente e diventare magicamente mozzarelle, formaggi o latte italiani. Se si pensa che su tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro venduti in Italia sono stranieri mentre la metà delle mozzarelle in vendita sono fatte con latte o addirittura cagliate provenienti dall’estero, il rischio della qualità e sicurezza alimentare è altro. Ma sull’importazione non si leggono nell’etichetta la provenienza  perché non è obbligatoria indicarla.

 

PUBBLICITÀ