Home Territorio Emergenza Furti | Problema che va risolto in maniera definitiva.

Emergenza Furti | Problema che va risolto in maniera definitiva.

Quello che sta accadendo a Banzano in questi giorni è un vero e proprio controllo di vicinato che in sociologia viene spiegato come una realtà ampia condivisa che raccoglie sotto di sé una serie di iniziative anche molto diverse sia per il tipo di misure adottate, sia per i soggetti coinvolti e sia per le specificità dell’area interessata. E’ quello in cui, gruppi di ragazzi organizzati con molta buona volontà stanno facendo da diverse notti per aiutare le forze dell’ordine nel cercare di fermare i reati contro il patrimonio di ladri professionisti senza scrupoli che da giorni stanno creando una bolla di panico in tutto il territorio. Una teoria criminologica spiega che un crimine può avvenire se e solo se vi è una compresenza, in un determinato luogo e tempo, tra un autore di reato motivato, un target disponibile e l’assenza di un controllore capace. L’obiettivo di politiche di prevenzione ( e quindi lo stesso attivismo di vicinato e di gruppo creato dal buon senso) dovrebbe portare in teoria alla riduzione delle opportunità criminali in un’area rendendo meno accessibili e disponibili i target o rinforzando le modalità di controllo.Quello che si è sviluppato a Banzano il “controllo di vicinato” ha sviluppato un aumento della sensibilità dei residenti in un’area su uno specifico problema e invogliandoli a “tenere sott’occhio” quello che avviene non solo nelle loro proprietà ma anche nei dintorni. Il fine è quello di incrementare il controllo informale nella zona riducendo conseguentemente le opportunità criminali. I banzanesi è da più di 10 giorni che la notte non chiudono occhio, sono vigili attenti nelle proprie proprietà, perché quello che sta accadendo è una vera e propria violazione delle libertà personali oltre ai danni al patrimonio.
Il clima di sorveglianza è alto, lo stesso Sindaco di Montoro Mario Bianchino ha allertato la PREFETTURA, i controlli delle forze dell’ordine sono aumentati, al fine di chiudere questa scena criminologica.
Purtroppo il circolo vizioso della caccia al ladro ha una falla: sicuramente è una forma di prevenzione situazionale ma allo stesso tempo non si interviene sulle Vere Motivazioni,all’origine del gesto criminale. Volendo Osservare i dati di questi giorni sui tentati furti e furti denunciati, trattasi di un target di commercianti, o in alcuni casi di persone che al mattino avevano prelevato soldi presso le poste o istituti bancari.
Purtroppo il controllo del vicinato notturno,ha anche spostato il disegno criminoso nelle ore pomeridiane creando un effetto boomerang di ansia e controllo del proprio patrimonio.
Certo il ruolo di prevenzione e il ruolo attivo della comunità ha valore quando coinvolge le autorità e non va a ostacolare l’operato delle forze dell’ordine.
Uno sforzo maggiore che si chiede alla comunità oltre alla prevenzione, e di non creare finti allarmismi ma di ragionare e segnalare in maniera razionale possibili disagi. Inutili i far west e la giustizia fai da te,che rischiano di mettere in pericolo giovani vite.Fiduciosi nell’operato delle forze dell’ordine deputate a prevenire e contrastare i reati contro il patrimonio, con particolare riguardo ai furti nelle abitazione.