Home Territorio Cisl: Al via la raccolta firma “Per un fisco più equo e...

Cisl: Al via la raccolta firma “Per un fisco più equo e giusto” tappa a Solofra il 9 maggio

È partita da oggi la campagna di iniziativa popolare, promossa dal sindacato Cisl Irpinia- Sannio per la promozione di una riforma del sistema fiscale del nostro paese, “Per un fisco più equo e giusto”. Secondo il Segretario Generale di irpinia-Sannio, Mario Melchionna,il paese ha bisogno di risposte concrete e immediate, partendo da un fisco più equo che coinvolgerebbe i ceti più svantaggiati. In vista delle elezioni Regionali, i candidati dovrebbero porre maggiori attenzioni alle aree interne lasciate per troppo tempo fuori dagli investimenti produttivi regionali. L’iniziativa popolare partirà da Avellino sabato 11 aprile a Corso Umberto all’altezza della Villa Comunale con la raccolta firma a sostegno del nostro progetto – spiega Melchionna,per poi girare tutta L’irpinia. La tappa a Solofra prevista per il 9 maggio dalle ore 10,00 alle ore 12,00 in piazza Umberto Primo. L’obiettivo di questa iniziativa è portare le persone ad aderire ad un progetto, che vorremmo poi passasse come legge, la quale consentirebbe ai contribuenti con reddito fino a 40.000 euro, di avere un bonus annuo di 1.000». L’iniziativa della Cisl, inoltre, prevedrà un nuovo assegno familiare il Naf, un’imposta sulla grande ricchezza netta, a favore del lavoratori, pensionati, delle aree sociali medio-basse e la riduzione dell’evasione fiscale. Un iniziativa che coinvolgerebbe secondo i dati Cisl più di 50.000 pensionati e lavoratori dipendenti dell’Irpinia. Lo slogan “X un fisco + equo e giusto” vedrà la Cisl Irpinia Sannio raccogliere più di 50000 firme per portare all’interesse del parlamento un tema da molto tempo trascurato,che ha generato sempre più disuguaglianze sociali . Conclude Melchionna : «Noi della Cisl non facciamo politica ma invito tutti i cittadini a fare una saggia scelta alle prossime elezioni Regionali, molte sono le questioni aperte al palazzo Santa Lucia, dalla questione dei lavoratori alla questione idrica ,e delle grandi opere.”

PUBBLICITÀ