Home Territorio Borgo di Montoro arriva la reliquia del sangue del santo patrono

Borgo di Montoro arriva la reliquia del sangue del santo patrono

Anche quest’anno in occasione dei festeggiamenti di San Pantaleone, santo patrono di Borgo di Montoro, si rinnova l’attesissimo appuntamento con la storica fiaccola giunta ormai alla 47ª edizione. Per il giorno 27 luglio, nella piccola frazione montorese, sono in programma grandi festeggiamenti in nome di San Pantaleone Medico e Martire. L’evento più atteso della festa sarà l’arrivo della Fiaccola al santuario, come sempre scortata da una staffetta di giovani atleti. Nonostante il tempo che passa la fiamma dell’amore per San Pantaleone arde sempre più viva nei cuori dei fedeli e di tutta la comunità. Negli anni si è rafforzato il legame con questo potente simbolo di pace e il numero di giovani che si avvicina al viaggio della fiaccola di San Pantaleone è sempre più numeroso.
Dopo un percorso lungo 47 anni in giro per il mondo, quest’anno la 47ª edizionedella”Fiaccola San Pantaleone” sarà straordinaria in tutto il suo percorso. Si parte domenica 26 luglio con la fiaccola accompagnata dal parroco di Borgo, dagli atleti e da una nutrita delegazione del popolo borgense che si recherà a Napoli presso il Monastero delle suore Basiliane in San Gregorio Armeno per prendere in consegna la preziosissima reliquia del sangue di San Pantaleone e portarla nel Santuario di Borgo dove vi resterà fino a domenica 2 agosto. Un viaggio immerso nei cuori e nelle menti dei fedeli che potranno manifestare il loro amore venerando e contemplando la reliquia contenente il sangue dell’amato Santo Patrono.
Un sogno che finalmente si avvera grazie a un lungo lavoro burocratico, con l’impegno e la caparbietà del parroco Don Francesco Sessa, sostenuto dal gruppo di organizzatori della Fiaccola. Quella del 2015 sarà una manifestazione straordinaria perché quest’anno la festa si svolgerà in un solo giorno con l’arrivo al santuario della fiaccola prevista eccezionalmente nella notte tra il 26 e il 27 luglio per consentire a tutti i pellegrini di poter venerare la reliquia già dalla prima messa in programma a mezzanotte.

PUBBLICITÀ