Home Territorio Basteranno ‘Le Ali dell’Anima’ a supplire al mancato decoro nella citta’ di...

Basteranno ‘Le Ali dell’Anima’ a supplire al mancato decoro nella citta’ di Avellino?

La citta’ di Avellino e’ in condizioni estetiche ed igieniche penose: la presenza di ratti che passeggiano in pieno centro, le aiuole divenute foreste manco fossero stati piantati alberi di alto fusto, la sporcizia che regna sovrana fanno da sfondo alle promesse di miglioramento che i due contendenti alla poltrona di sindaco fanno in vista del ballottaggio di domenica prossima.

E passiamo al salotto buono, il Corso. Anch’esso ha un aspetto indecente, con i cestini dei rifiuti che traboccano e nessuno svuota da tempo. Gli unici, puntuali e precisi, sono Vigili e Vigilini che non perdono occasione di trascrivere verbali ai malcapitati di turno, anzi con ripetuti passaggi puniscono l‘utente distratto o indaffarato da incombenze varie: non dimentichiamo che Avellino e’ pur il centro amministrativo della provincia. Dai tutori dell’Ordine ci si aspetterebbe essenzialmente azioni preventive, invece,fare cassa a tutti i costi non e’ la via piu’ “urbana” di risolvere i problemi finanziari della citta’!

Nello stesso tempo si vede Piazza Liberta’ inondata da orde di ragazzini che, finita la scuola, prendono a calci i Super Santos e disputano partitelle in mezzo a passanti e carrozzine, senza porsi il minimo problema di infastidire; e li, che ti aspetti un vigile a intervenire, neanche l’ombra! Ovviamente non e’ servita a nulla l’ammonizione che un paio di anni fa profferi’ l’ex sindaco Foti, puntualmente sbeffeggiato anche da adulti e genitori dei “vivaci” fanciulli che naturalmente oggi si sentono autorizzati a continuare. Certo il senso di civilta’ o ce l’hai e sai muoverti nella vita comune ed associata, in caso contrario e’ dura… Per non parlare della pulizia e dell’igiene che latitano in questa citta’. A proposito, ma Irpiniambiente non doveva provvedere al decoro urbano, come da contratto sottoscritto con il Comune? E proprio in questi giorni l’esattoria sta recapitando alle famiglie avellinesi le tasse sui rifiuti urbani, le cui tariffe sono tutt’altro che lievi. Specie nei nuclei familiari numerosi le tariffe risultano pesanti, in quanto ogni componente in piu’ pesa eccome sulla bolletta… Alla faccia del welfare e all’invito a proliferare e ringiovanire la societa’! Pertanto il cittadino puo’ e deve pretendere un servizio migliore rispetto al contributo erariale che versa puntualmente a Comune e Irpiniambiente. Intanto una novita’ in piazza Liberta’: sono state installate le Ali dell’Anima di fronte al palazzo vescovile. L’opera, che raffigura e simboleggia le ali su cui la citta’ di Avellino si dovra’ affidare senza timore, e’ un ‘opera realizzata dall’artista Carmine Calo’ da Villamaina ed ‘e costata 54mila euro; e’ stata inaugurata giovedi alla presenza del commissario Priolo e del Vescovo di Avellino. Bastera’tale opera a far dimenticare le storture su accennate e dare speranza alla citta’ di Avellino?